Aiga: Illegittima esclusione bonus Covid ai titolati d'invalidità erogata da cassa forense

Aiga: Illegittima esclusione bonus Covid ai titolati d'invalidità erogata da cassa forense




AIGA: ILLEGITTIMA L’ESCLUSIONE DAL BONUS PER I PROFESSIONISTI COVID-19 DEI TITOLARI DI PENSIONE D’INVALIDITA’ EROGATA DA CASSA FORENSE


L’Art. 78 del “Decreto rilancio” rifinanzia il Fondo per il reddito di ultima istanza già concesso ed erogato ai liberi professionisti per il mese di marzo u.s.

Il 29 maggio è stato firmato il Decreto interministeriale che ha stabilito i criteri finalizzati all’erogazione del bonus di aprile in favore dei professionisti iscritti alle Casse Professionali.

Ancora una volta sono esclusi di fatto dal sussidio i colleghi avvocati titolari di pensione d’invalidità erogata da Cassa Forense a differenza di quanto avviene per i titolari di omologo assegno d’invalidità erogato dall’INPS.

“Il sussidio mensile di invalidità” afferma l’Avvocato Antonio De Angelis, Presidente Nazionale AIGA, Associazione Italiana Giovani Avvocati “non costituisce una premialità poiché viene concesso quale controprestazione di una menomazione fisica e/o mentale patita ed è strettamente correlato al preventivo accertamento e riconoscimento medico della riduzione della specifica capacità lavorativa subita in relazione alla connessa patologia. Per tale ragione la pensione d’invalidità non può certo essere considerata reddito derivante da attività libero- professionale, ma costituisce, per l’appunto, un sussidio che viene erogato ad integrazione della oggettiva diminuzione dell’abilità al lavoro”.

Escludere gli avvocati titolari di pensione di invalidità è dunque ad avviso dell’AIGA Illegittimo, dal momento che gli stessi hanno subito, al pari degli altri colleghi, un danno oggettivo dalla sospensione dell’attività lavorativa in ragione della pandemia COVID 19 e, circostanza non meno importante, gli stessi sono soggetti, come tutti gli iscritti, alla tassazione e corresponsione dei contributi a Cassa Forense in misura ordinaria.

L’AIGA chiede pertanto al Governo di rettificare tale previsione di esclusione, iniqua, illogica e ingiustamente sperequativa rispetto ai professionisti disabili che percepiscono l’assegno di invalidità da parte dell’INPS.


Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002