Antonella Cortese: «Una strage silenziosa delle divise»

Antonella Cortese: «Una strage silenziosa delle divise»

Aggiornato il: 27 ott 2019


Ormai sembra che indossare una divisa sia l'equivalente di mettersi addosso una pesante armatura con un soffocante elmo che limita lo sguardo attorno a noi e partire per una solitaria battaglia con la consapevolezza di non farcela già in partenza. Da tempo seguo attraverso l'Osservatorio il preoccupnte fenomeno dei suicidi nelle forze armate. Almeno un caso a settimana, a volte di più. Una strage silenziosa delle divise che va fatta conoscere il più possibile. Oggi piangiamo un carabiniere di 43 anni in servizio al reparto Radiomobile che si è tolto la vita nella caserma di corso Calatafimi, a Palermo. Si sarebbe impiccato proprio nella caserma, questo a riprova del fatto che i luoghi di lavoro non sono più casa per i nostri militari in questo estraniamento dallo spirito di Corpo. Ora siccome per Noi ognuno di questi drammatici gesti è una ferita ancora aperta, mentre aspettiamo che le Istituzioni decidano di intervenire seriamente per prevenire un qualcosa che non si può curare ma solo cercare in tutti i modi di evitare, ci teniamo a ricordarli uno per uno per non dimenticare nessuno. Così Antonella Cortese criminologa e Vice Presidente Osservatorio Nazionale dei diritti e della salute dei militari e forze dell'ordine.


EVENTI SUICIDARI A PARTIRE DAL 01 GENNAIO 2019, DISTINTI PER DATA, LUOGO E CORPO/ARMA DI APPARTENENZA:


1. 5 gennaio San Vittore Polizia penitenziaria;


2. 10 gennaio Padova Polizia di Stato;


3. 27 gennaio Foggia Polizia ferrovia;


4. 4 febbraio San vittore Polizia penitenziaria;


5. 6 febbraio Campobasso Carabinieri;


6. 5 febbraio Torino caporalmaggiore Esercito;


7. 17 febbraio Sanremo Valle Armenia Polizia penitenziaria;


8. 22 febbraio Cuneo Polizia penitenziaria;


9. 11 marzo Clusone (Bergamo) maresciallo carabinieri;


10. 11 marzo Bergamo Polizia Locale;


11. 20 marzo Miano (NA) Carabiniere;


12. 28 marzo Chieti polizia;


13. 29 marzo Caltanissetta polizia;


14. 4 aprile Firenze polizia;


15. 9 aprile L’Aquila polizia;


16. 27 aprile Catanzaro polizia penitenziaria;


17. 28 aprile Ragusa polizia;


18. 28 aprile Pisa polizia penitenziaria;


19. 1 maggio Vigevano finanziere;


20. 8 maggio Perugia, carabinieri forestale;


21. 13 maggio Desio polizia;


22. 27 maggio Gazzanise militare aeronautica;


23. 5 giugno Chiaromonte (Potenza) carabinieri forestale;


24. 18 giugno Milano polizia locale;


25. 20 giugno Imperia carabinieri;


26. 10 luglio Sardegna polizia penitenziaria;


27. 30 giugno Marliana (Pistoia) carabiniere forestale;


28. 6 luglio Foligno carabinieri;


29. 11 luglio Bologna polizia penitenziaria;


30. 17 luglio Asti carabinieri;


31. 29 giugno Trieste polizia ferroviaria;


32. 11 agosto Follonica Carabinieri;


33. 10 agosto Taranto marina militare;


34. 15 agosto Palermo Polizia;


35. 15 agosto Pinerolo caporalmaggiore degli alpini;


36. 17 agosto Brescia Carabinieri;


37. 20 agosto Cremona Carabinieri;


38. 20 agosto Settimo Torinese polizia locale;


39. 3 settembre Roma Polizia;


40. 5 settembre Foggia Carabinieri;


41. 6 settembre Roma Polizia;


42. 14 luglio Frosinone esercito;


43. 15 settembre Vibo Valentia polizia;


44. 16 settembre Belluno alpini;


45. 17 settembre Cremona Guardia di Finanza;


46. 17 settembre Ancona Vigili del fuoco;


47. 26 settembre Milano Polizia;


48. 26 settembre Cassano d’Adda Carabinieri;


49. 03 ottobre Bologna Guardia di Finanza;


50. 07 ottobre Milano Polizia Locale;


51. 11 ottobre Gaeta Guardia di Finanza;


52. 11 ottobre Piacenza Polizia Penitenziaria;


53. 12 ottobre Orta Nuova (FG) Polizia Penitenziaria;


54. 15 ottobre Pieve di Teco (IM) Carabinieri;


55. 25 ottobre Napoli Polizia locale[1].

56 . 26 ottobre Carabinieri ( Palermo)

Su 56 decessi

- 31 al Nord;

- 10 al centro;

- 11 al sud;

- 4 alle Isole.


Divisi per Corpi di Appartenenza:

- 14 della polizia di stato;

- 16 carabinieri;

- 10 della polizia penitenziaria;

- 4 guardia di finanza;

- 5 polizia locale;

- 6 forze armate;

- 1 vigile del fuoco.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002