Belgio e Messico moto perpetuo, Germania salva per un "Kroos"
  • AF

Belgio e Messico moto perpetuo, Germania salva per un "Kroos"


Giornata di grandi emozioni nel Mondiale di Russia 2018, con gare ricche di goal, colpi di scena e clamorose sorprese sfiorate. La Germania campione del mondo va vicinissima all’eliminazione, per mano della Svezia, per poi risorgere nel momento più propizio ribaltando la gara e salvando la faccia. Messico e Belgio dal canto loro continuano a macinare reti e risultati, viaggiando a punteggio pieno nei rispettivi gironi.


La “meinschaft” a casa dopo solo due turni, anche se con la coccarda di campione del mondo Fifa sulla maglia, avrebbe rappresentato un terremoto mica male nel Mondiale di Russia: così non è stato, almeno per ora. La Germania, pur con un girone altamente abbordabile, dopo aver perso all’esordio contro il Messico, stava per ripetersi contro la “fatal” Svezia, killer degli Azzurri di Ventura all’ultimo Play-Off per qualificarsi alla kermesse iridata.


Un errore di Kroos apre la via al vantaggio gialloblù firmato al 31’ Toivonen, con gli svedesi bravi poi a difendersi con ordine soffocando le fonti principali di gioco dei tedeschi. Nella ripresa, dopo 3’, è servito il gol di Marco Reus per pareggiare il conto, senza che poi i ragazzi di Loew prendessero realmente il sopravvento: all’82’ poi, la nuova doccia fredda per Neuer e compagni, con Boateng espulso per doppia ammonizione e la qualificazione che diventa realmente lontanissima. C’è bisogno di un miracoloso tiro-cross di Toni Kroos al 94’ per completare la clamorosa rimonta e lasciare ampio margine di qualificazione alla Germania, che se la vedrà con la Corea del Sud nell’ultimo turno.


Proseguono, come detto in apertura, la loro marcia “illibata” Messico e Belgio. Dopo lo “scalpo” dei campioni del mondo, i messicani si prendono senza troppi problemi i 3 punti contro la Corea del Sud, in una gara maschia con tanti cartellini gialli nel secondo tempo (dal lato asiatico). 2-1 il finale con reti di Vela e Hernandez per il Messico e Son Heung-Min per i coreani. Fa meglio ancora, se possibile, il Belgio, autentica macchina da gol nel 5-2 ottenuto contro la Tunisia. Partita praticamente mai in discussione, con i belgi sempre in controllo grazie ad uno stato di grazia diffuso tra i tanti frombolieri della squadra: alle doppiette di Hazard e Lukaku s’è aggiunto nel finale Batshuay, per i nordafricani Bronn e Khazri.


All'interno delle gare di oggi troviamo nell'ordine: Inghilterra-Panama (14:00), Giappone-Senegal (17:00) e Polonia-Colombia (20:00).


Alessandro Sticozzi

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002