Christian De Vellis: "Alla base della nostra attività, c'è la competenza"


di Cristina de Palma


De Vellis Servizi Globali è un’azienda che opera dagli anni '80 nel settore dei traslochi e dei trasporti nazionali ed internazionali, e non solo. Si tratta di una società a conduzione famigliare, capitanata da Ennio de Vellis, fondatore dell’azienda e dai suoi 3 figli. Le sedi nel Lazio sono quattro: 3 a Frosinone e una sede commerciale a Roma, ma la società è dislocata in tutto il territorio con vari capannoni. Abbiamo intervistato uno dei tre figli, Christian, 40 anni, direttore tecnico della Servizi Globali.

Di cosa si occupa la sua azienda?

Da 40 anni, gestiamo i trasferimenti di privati, di aziende, militari e diplomatici. Abbiamo varie divisioni: trasporti, traslochi, deposito merci, ambiente, noleggio e archivi cartacei. Cerchiamo di offrire un servizio completo e professionale in ogni settore. Tenga presente che lavoriamo in tutto il mondo e raccogliamo ogni sorta di sfida lavorativa.

Come quella del trasloco a Venezia che ha richiesto uno sforzo notevole…

Assolutamente. Venezia è una città molto particolare come ben può immaginare. Abbiamo dovuto noleggiare delle zattere/piattaforme galleggianti per trasportare il nostro camion e caricarlo proprio sotto casa del nostro cliente. Ma come detto le sfide non ci fanno mai paure, anzi.


Parlando di sfide, quale è la più importante per un imprenditore del suo settore?

Essere al passo con i tempi, portare la giusta velocità a tutte le attività che facciamo, ed essere pronti a gestire tutte le esigenze dei nostri clienti. Durante il Covid, abbiamo adottato ogni misura precauzionale per i nostri clienti e i nostri operatori: mascherine, distanza, dispositivi di protezione. È stata dura ma abbiamo tenuto duro perché crediamo in quello che facciamo.

Parlando della divisione ambiente, siete attivi in più settori…

Sì, abbiamo anche un’altra società che gestisce le aree verdi, fa sanificazione, disinfestazioni, derattizzazioni e consulenze ambientali. Senza dimenticare il recupero di carta da macero e conferimento a discarica di legno, vetro e altre tipologie di elementi che i nostri clienti devono disfarsi. Noi siamo molto attenti a queste tematiche ecologiche.


Lo scorso settembre infatti, in occasione della settimana europea della mobilità avete sostenuto l'iniziativa “Strade future”, un importante progetto di arte pubblica per promuovere la mobilità sostenibile

Per noi la sostenibilità non è solamente ambientale, ma anche economica e sociale. Crediamo molto in questi progetti e anche all’interno della nostra azienda abbiamo adottato da anni una politica molto attenta. Ad esempio, acquistiamo prodotti eco-sostenibili e i nostri automezzi sono per lo più ibridi, a metano o completamente a elettrici. E da più di 15 anni abbiamo installato un pannello fotovoltaico sulla nostra sede principale di Frosinone. Un po’ per essere autonomi energeticamente, ma anche per salvaguardare l’ambiente che ci circonda.

Il vostro parco automezzi, riconoscibile con la livrea gialla, conta più di 70 mezzi…

Abbiamo qualsiasi tipo di automezzi, dal camioncino per i centri storici, ad automezzi speciali per traslochi, cassoni per la raccolta dei rifiuti, e poi abbiamo tir e autoarticolati, piattaforme. In questi anni, abbiamo messo su una flotta abbastanza importante per garantire il massimo livello di professionalità ai nostri clienti.


Quale è il vostro punto di forza?

Avere un personale adeguato, professionale, educato che riesce tutti i giorni a gestire al meglio ogni trasferimento dei nostri clienti, cercando di non far subire lo stress del trasloco.

Prendere la vita ed i beni di una persona o un’impresa e portarli in una nuova casa, è un’arte. Per questo motivo, ci affidiamo a persone qualificate che stanno con noi da più di 20 anni, che seguono corsi di aggiornamento e che possiamo consigliare per tutto il processo lavorativo.

Lei ha fatto una lunga gavetta all’interno dell’azienda di famiglia. Ha iniziato a 16 anni durante il periodo estivo e ha lavorato in tutti i settori. Quanto è stato importante questo passaggio per il suo percorso professionale?

La gavetta è essenziale per individuare le criticità di ogni settore e conoscere a pieno il tuo mestiere. Sui traslochi, ad esempio, ho imparato con gli anni a migliorare costantemente le attività delle varie divisioni. E penso che i giovani di oggi devono essere guidati dalle persone che hanno più esperienza, come è successo a me. Alla De Vellis, noi formiamo i ragazzi dal primo giorno fino a che non sono autonomi, non li lasciamo mai soli.


0 commenti