Cicchitto: «Palamara intercettato illegalmente»



«Ancora una volta la realtà supera la fantasia. Non solo non si trova più l’intercettazione della cena Palamara Pignatone sulla quale "Il Riformista" ha fornito anche i numeri di file di riferimento, ma adesso si scopre anche che Palamara è stato intercettato illegalmente per alcuni mesi e in altri sono scomparsi. Tutto ciò rientrerebbe perfettamente nei meccanismi funzionali della loggia o associazione segreta Hungaria, ma invece ci troviamo di fronte a iniziative scomposte che risalgono al Csm e alla magistratura inquirente.


C’è’ materia abbondante per lo scioglimento di questo Csm e per una commissione d’inchiesta su tutto quello che è avvenuto. E’ evidente infatti che chi detiene i nastri di intercettazione scomparsi può ricattare in molteplici direzioni. A suo tempo il pm Gherardo Colombo disse che la seconda Repubblica era fondata sul ricatto perché evidentemente alcuni soggetti erano stati salvati pur essendo colpevoli.


Evidentemente anche questa che secondo una strana numerazione sarebbe la terza è anch’essa dominata dal ricatto con l’unico problema che ancora devono essere identificati i ricattatori. Ma forse più che di Repubblica fondata sul ricatto oggi possiamo parlare, visto il livello degli interlocutori, di una Repubblica delle banane».


Fabrizio Cicchitto

0 commenti