CRISI, LABOCCETTA: “SIETE PRONTI?” = “CHE FAI MI CACCI?”, DRAGHI COME FINI


La frase di Mario Draghi rivolta al Parlamento "siete pronti?", più volte ripetuta a mo' di sfida, mi ha ricordato per alcuni versi il "che fai mi cacci?" che Gianfranco Fini rosso in viso rivolse oltre 10 anni fa al Premier Berlusconi. Anche la terza carica dello Stato dell'epoca, come oggi il banchiere Draghi, riteneva di essere indispensabile ed insostituibile per la nostra Italia.


Così non fu, e così non e'. La Politica deve e può tornare a svolgere un ruolo da protagonista. E possiamo ben dire che ieri il determinismo ha guidato le menti di coloro che si stanno rimettendo in sintonia con una larga parte del paese reale.


Ma ora viene la parte più complessa della partita. Nessuno pensi di aver già vinto. Soprattutto quel centrodestra che vola nei sondaggi. Anche nel 1994 una gioiosa macchina da guerra era convinta di avere già il risultato in tasca. Questa volta, ancor di più, occorre cuore e cervello. Idee nuove e squadra convincente.


Forse la Politica può veramente rientrare dal suo esilio. Meloni, Salvini e Berlusconi sono davanti ad un grande appuntamento con la Storia. Lo dichiara in una nota l'ex Deputato di Napoli Amedeo Laboccetta, Presidente di Polo Sud.



0 commenti