Due anziani fuggiti dall'ospizio ritrovati al Wacken festival




Il Rock non muore mai e così i suoi fan, che non sentono l’età, e non soltanto quegli arzillissimi vecchietti dei Rolling Stones.


Non si sa con certezza se i due anziani fuggitivi dalla casa di riposo ove soggiornavano fossero realmente diretti al Wacken Open Air, un festival di heavy metal molto importante per gli appassionati del genere, organizzato nell’omonima cittadina tedesca e che ha la durata di quattro giorni è arrivato alla sua ventinovesima edizione. Insomma, un evento che ha fatto la storia di questo tipo di musica in questo angolo di Germania. Resta l’incontestabile fatto che la polizia li abbia ritrovati proprio lì, tra le casse che sparavano musica di chitarre distorte al massimo del volume, in mezzo a tantissime altre persone che stavano seguendo i gruppi molto celebri che si succedevano sul palcoscenico. Il caldo torrido di queste ultime ore ha fatto sì che il servizio d’ordine fosse particolarmente attento per evitare principi di incendio nell’area designata per il lungo concerto, ma nessuno di loro avrebbe potuto prevedere questo insolito accadimento comunque a lieto fine avvolto da un’aura di tenerezza.


Dopo l’allarme dei responsabili della struttura, si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine quindi, che hanno rintracciato le due persone intorno alle tre di notte: uno dei portavoce della polizia, Merle Neufeld, ha affermato che entrambi i “nonni” erano comunque in stato confusionale: «Ovviamente ai due piaceva il festival heavy metal, ma i responsabili della struttura hanno organizzato per loro il rientro nella struttura». Sempre in base ai resoconti della polizia, i due anziani che avevano abbandonato spontaneamente e scientemente la loro casa di riposo sembravano piuttosto restii a volervi far ritorno preferendo evidentemente l’atmosfera più giovane e viva della kermesse musicale dove anche loro potessero gridare: «Lunga vita al Rock».



DPF


0 commenti