Ecco cosa accade nel «Triangolo delle Bermuda», scoperto il mistero?


Nell’immaginario collettivo è il luogo più misterioso e pericoloso della terra. Soggetto di continue ricerche scientifiche e di centina di sparizioni improvvise, il famigerato «Triangolo delle Bermuda» porta con sé una fama leggendaria e spaventosa.

Ma forse, pare, siamo vicini a una svolta storica circa la sua terribile pericolosità. L'enigma del Triangolo delle Bermuda potrebbe essere stato risolto. O, almeno, avere una nuova teoria a supporto. La University of Southampton, tramite una missione di ricerca, potrebbe aver isolato le ragioni delle misteriose sparizioni di alcune navi che sono passate nel tratto di Oceano Atlantico delimitato dai tre vertici del triangolo formato tra Florida, Porto Rico e le Bermuda. Pare che la soluzione fosse nelle enormi onde anomale, di circa trenta metri di altezza, che si formerebbero “spontaneamente” in quella zona. Questo lascerebbe facilmente immaginare la forza d’impatto e le conseguenze per chiunque si trovasse a passare di lì proprio nel momento della “grande onda”. Gli scienziati hanno raccolto le prove di alcuni esperimenti, necessari per comprendere il fenomeno, in un documentario, «The Bermuda Triangle Enigma», come riportato da fonti specifiche, l'australiano «News.com.au», che cita il «Sun». In questi test sono stati usati alcuni simulatori indoor per ricreare tali onde dalla vita brevissima, pochi minuti. Onde che sono state osservate per la prima volta da alcuni satelliti nel 1997, al largo delle coste del Sud Africa.

I ricercatori britannici hanno preso spunto, infatti, dalla sparizione misteriosa della nave militare statunitense USS Cyclops che percorreva il tratto tra le Barbados e Norfolk, direzione Virginia, il 4 marzo 1918. Secondo quanto evidenziato dalla simulazione, per via di un’imponente onda e della forma dello scafo, è bastato molto poco perché l’oceano inghiottisse l’imbarcazione. In quell'area, inoltre, secondo il racconto di uno scienziato impegnato nelle ricerche, «ci sono tempeste che si uniscono da Sud e da Nord», condizione perfetta per far sì che vengano a generarsi onde anomale, capaci di distruggere navi anche molto grandi.

Che sia stato svelato il mistero?


E.R.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002