ENERGIA DALLE ONDE: È ITALIANA LA TECNOLOGIA CHE HA GIÀ PRODOTTO IL PRIMO KWH IMMESSO NELLA RETE


Nell’ambito della transizione energetica verso le fonti rinnovabili e dello sviluppo di tecnologie green si è acceso il dibattito legato alla produzione di energia elettrica dallo sfruttamento del moto ondoso.

Tra le varie iniziative avviate ve n’è una già tecnologicamente matura e che ha già raggiunto un primo sostanziale obiettivo: ha prodotto il primo kWh di energia immesso nella rete elettrica nazionale italiana.

Questa tecnologia nasce dall’intuizione di un matematico laureato alla Normale di Pisa, Michele Grassi, che l’ha sviluppata fondando la 40South Energy, con sede a Pisa, nella quale hanno creduto alcuni importanti attori industriali e finanziari

La 40 South Energy, fondata nel 2007, ha investito nel progetto più di 15 Milioni di €, provenienti da alcuni investitori istituzionali, quali Innogest Ventures e Invitalia Ventures, e da alcuni business angels, tra cui Roberto Galimberti, presidente della società.

L’ultimo ingresso nella compagine azionaria ha visto l’entrata di Genia, investitore industriale attivo nei settori Energia e Intelligenza Artificiale fondato da Giacomo Ortolano.

Genia sta sviluppando, con altri partner, alcuni progetti in Italia e all’estero che utilizzeranno la tecnologia di 40South Energy in ambito on-grid e off-grid.

Enel Green Power, leader internazionale nel settore delle rinnovabili, con una capacità gestita di oltre 43 GW e sempre all’avanguardia nella ricerca di tecnologie innovative, credendo nella potenzialità della tecnologia sviluppata dalla 40South Energy ha deciso di partecipare già da diversi anni alle attività di sperimentazione e di supportare lo sviluppo di questa tecnologia innovativa. Nello scorso settembre 2018 l’impianto di Marina di Pisa che utilizza tecnologia H24-50 ha prodotto e immesso nella rete elettrica nazionale la prima energia elettrica prodotta da moto ondoso.

La tecnologia sviluppata, denominata H24-50 e H24-500 è capace di produrre energia sia dal moto ondoso che dalle maree, ha un approccio diverso da altre tecnologie, essendo la macchina sempre completamente immersa e posizionata subasso fondale (fra 7m- 12m di profondità), cosa che semplifica enormemente la logistica di installazione e manutenzione e la rende capace di lavorare in condizioni di mari chiusi (es. Mediterraneo, Golfo) e oceani aperti.

La potenza delle soluzioni installabili vanno da 50 kW fino ad un 1 MW, ma con la possibilità di installare anche più macchine in gruppo con un impatto ambientale sostanzialmente nullo.

Inoltre, le macchine sono completamente silenziose, quindi possono essere installate di città o a località turistiche senza nessun impatto visivo o ambientale.

Per approfondimenti o informazioni:

-Amministratore Delegato Michele Grassi +39.331.9582509 -Consigliere di amministrazione Giacomo Ortolano +39.349.5550100

immerse e fronte alle

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002