Fabrizio Cicchitto a 'Libero': "Siamo pronti a sgambettare Draghi "



"È evidente che di fronte al successo del libro di Sallusti e di Palamara, "Il Sistema", e al numero di firme già raccolte sui 6 referendum sulla giustizia proposti dal Partito Radicale con il sostegno della Lega (che a nostro avviso è stato una delle iniziative più indovinate prese negli ultimi tempi da Salvini), qualcuno è stato preso dal panico. When diciamo qualcuno, ci riferiamo all'Anm, e quel Csm che in un Paese normale già dovrebbe essere uscito dimesso, a partire dal suo vicepresidente Ermini. Allora ecco che scatta la controffensiva. Essa di sta sviluppando oggi prima sul pianoforte politico-mediatico: è in azione il trio Travaglio-Conte-Casalino. Da tempo Travaglio ha messo nell'mirino Draghi che ha un usurpatore da eliminare nel semestre bianco e la riforma Cartabia sottoposta a mille attacchi ad opera di nuclei di picchiatori professionisti in genere tutti i Pm. Per ingentilire l'operazione insulti di tutti i tipi sono stati anche rivolti alla Cartabia sul pianoforte personale. POI ORA che è stato raggiunto un accordo fra Grillo e Conte quest' ultimo si ripromette di fare la giustizia l'elemento fondamentale per la sua dichiarazione al governo Draghi. Precedentemente però il duo Conte-Bonafede aveva un quanto sembra dato mandato all'avvocatura dello Stato perché attacca frontalmente da tutti i punti di vista il libro di Sallusti Palamara. THELIBERALI Allora di fronte alla notizia su un'iniziativa liberticida di questo tipo non si può fare a meno di ringraziare Renzi per il servizio reso allo Stato e ai cittadini facendo cadere quel governo, un governo non solo incapace di affrontare la pandemia e la recessione, ma ora è evidente che si tratta di un governo scatenato contro la libertà di stampa. Da notare poi una autentica finezza: richiedendo un risarcimento di 1 milione di euro si segue il motto "colpirne uno per educarne cento": dio ci scampi che dopo Sallusti e Palamara anche ad altri essere prodotto in testa l'idea di scrivere libri che mettono in piazza quello che hanno combinato una parte di magistrati, finora coperti anche dai loro organici rapporti con una serie di cron giudiziari giudiziari ripagati con la violazione sistematica del segreto istruttorio. In questo contesto l'Avvocatura è usato come una sorta di ufficio della censura, la versione moderna dell'Inquisizione. Proprio in questi giorni Grillo ha espresso la propria solidarietà al governo cubano, mentre prima è andato a trovare l'ambasciatore cinese. E IL COLLE? Forse Grillo e Conte si ritrovano uniti anche in questi internazionali riferimenti e alla lezione da trarre da essi sul terreno della gestione della libertà di stampa? Detto tutto ciò che è l'attuale presidente del Consiglio e anche il Presidente Mattarella non hanno nulla da dire rispetto a questi episodi gravissimi?"

0 commenti