• AF

FarWest Firenze. Speronato durante sparatoria tra rom, è gravissimo. Daspo, chiusura campi per Lega


Alcuni colpi di pistola sono stati sparati durante un inseguimento tra alcune auto nella zona di viale Canova, alla periferia di Firenze.


Un ragazzo in motorino è stato travolto da una delle auto in fuga ed è stato trasportato dal 118 all’Ospedale di Careggi: le sue condizioni sono gravissime.


Le 4 persone coinvolte nella lite sono state fermate e portate dai carabinieri in caserma e, tra breve, viene riferito, verranno interrogate dal magistrato di turno. Le persone coinvolte sono tutte domiciliate nel campo rom il Poderaccio.


"Ha dell'incredibile la sparatoria avvenuta oggi in Via Canova, un episodio agghiacciante, chiaramente figlio dell'assenza nel territorio delle istituzioni politiche locali che per troppo tempo hanno avallato una politica buonista ed eccessivamente tollerante verso il crimine ed il degrado".


Lo dichiara Federico Bussolin, portavoce del comitato elettorale Lega Firenze 2019. "Il risultato? E' sotto i nostri occhi e probabilmente non sarà neanche l'ultimo episodio: serve il pugno duro", ha proseguito, "È finito il tempo dei proclami per il sindaco Nardella, come del resto rimane inutile ogni sua promessa da campagna elettorale. È necessario cambiare radicalmente direzione, ed adottare una politica decisa sulla sicurezza dei cittadini. O a Firenze incominciamo a fare politica seriamente, attraverso il daspo urbano e la chiusura di tutti i campi rom, oppure i fiorentini dovranno scendere in piazza, per la legalità e la sicurezza di tutti. Purtroppo per alcuni pare non essere la priorità oggi giorno".


"Non possiamo rimanere ostaggio di chi, con Firenze, non ha niente a che fare", commentano Alessandro Scipioni e Filippo La Grassa, rispettivamente segretario provinciale e comunale della Lega fiorentina. "Porteremo le politiche del ministro degli Interni Matteo Salvini anche nel cuore di Firenze. Dobbiamo proporci un cambiamento di amministrazione e rendere più sicure le nostre città. O Firenze diventa una città sicura, oppure è destinata a diventare lo sconcio del mondo intero. Una città così unica, non può essere ridotta in questo modo, è un crimine contro l'umanità" concludono gli esponenti della Lega.


Commenti duri anche da Forza Italia. "I campi rom vanno smantellati immediatamente. Noi lo diciamo da tempo, non sono strutture adatte a combattere l'illegalità e a favorire l'integrazione. I tragici fatti di Firenze ne sono l'ennesima dimostrazione". Sono le parole della deputata Deborah Bergamini, responsabile nazionale Comunicazione di Forza Italia. "È inaccettabile", prosegue la Bergamini, " tollerare ancora queste isole di illegalità. Un'impostazione della questione rom basata sull'assistenzialismo e su un'ideologia buonista è controproducente, e non aiuta un percorso di integrazione e convivenza. Per questo riteniamo che i campi nomadi vadano chiusi una volta per tutti, come hanno già fatto da anni".


Dello stesso tenore la dichiarazione del vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia): "Lo diciamo da anni: i campi rom vanno smantellati e sgomberati subito, sono un retaggio dei decenni passati e non è più accettabile tollerare queste isole di illegalità'. I fatti di oggi a Firenze ne sono l'ennesima tragica conferma". Stella sottolinea poi che "Dal 2006 a oggi, il Comune di Firenze ha speso 31 milioni di euro per i campi rom. Campi che continuano a dimostrarsi una "non soluzione" al problema dell'integrazione e al superamento di comportamenti troppo spesso al limite della legalità. Basta con questa impostazione assistenzialista fatta con i soldi dei fiorentini, che di fatto non produce nessun tipo di risultato. I campi vanno chiusi".


A questi si è aggiunto Mario Razzanelli, consigliere comunale di Forza Italia: "Si dirà che quanto è accaduto è incredibile e sconcertante. Purtroppo non lo è, chi oggi finge stupore e sdegno è disonesto intellettualmente. Se da anni le opposizioni di centrodestra cercano di accendere i riflettori su situazioni di degrado e inciviltà, se da anni dai banchi di Palazzo Vecchio come da quelli di Palazzo Panciatichi il centrodestra denuncia il fallimento di politiche permissive nei confronti di chi non ha rispetto ne' della nostra cultura ne' delle nostre leggi, non e' certo per voglia di diffondere false percezioni, ma è per senso di realtà. Certe tragedie non accadono improvvisamente nè per caso, o lo si comprende e ci si attiva per rimediare o si è complici", conclude Razzanelli.


Forte il richiamo anche da parte di FdI attraverso il post Facebook del parlamentare Giovanni Donzelli e il coordinatore regionale del partito e capogruppo a Palazzo Vecchio Francesco Torselli: "Oggi a Firenze scene da Far West: due rom hanno seminato il panico in via Canova e investito un ragazzo, mandandolo all'ospedale in gravi condizioni. I residenti raccontano che ci sono stati anche degli spari. Da anni denunciamo con sopralluoghi al vicino campo del Poderaccio e in altri insediamenti una situazione completamente fuori controllo. Ora basta! Questi luoghi non possono più esistere e devono essere smantellati immediatamente per la sicurezza di tutti". Segue l'annuncio di una manifestazione per domani: "Dalle 19 saremo in via Canova (angolo via Chiusi) per incontrare i cittadini esasperati . Chiediamo a tutti di portare un tricolore per chiedere legalità e sicurezza. Riprendiamoci le nostre strade!"






0 commenti