Finto parlamentare tenta truffa da ventimila euro con soldi falsi
  • AF

Finto parlamentare tenta truffa da ventimila euro con soldi falsi



Un falso parlamentare, il suo segretario, anche lui falso, e un finto impiegato di banca. Sono loro i protagonisti di una truffa da ventimila euro, sventata però dalla polizia, che ha arrestato i tre e messo fine al raggiro. Vittime dei tre truffatori un padre e un figlio, che pensavano di effettuare una transazione conveniente. D'altronde non c'era motivo di dubitare, viste che i tre aveva organizzato tutto nei minimi dettagli e incontrato la coppia in un albergo nella zona di Montecitorio.


Grazie ad un amico, infatti, padre e figlio erano venuti a conoscenza della possibilità di scambiare, con un guadagno del 30 per cento, banconote da 500 euro ma false, detenute dal finto parlamentare, con banconote di taglio più piccolo, che invece erano vere. Il primo incontro, nel corso del quale sono stati definiti i dettagli della transazione, si è tenuto in un hotel dietro alla Camera dei Deputati, mentre la truffa si è concretizzata qualche tempo dopo in piazza del Popolo, dove è avvenuta la consegna dei soldi: 20 mila euro in contanti. 

Padre e figlio, una volta realizzato di essere stati vittime della truffa hanno immediatamente denunciato l’accaduto al commissariato di Tivoli. I poliziotti, grazie anche al riconoscimento fotografico, hanno individuato i tre, tutti romani, con un’età compresa tra i 65 ed i 78 anni, che sono stati fermati e denunciati con le accuse di truffa e sostituzione di persona. Denunciato anche l’amico che aveva avuto il ruolo di mediatore. 

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002