Guerre della droga in Messico, dieci cadaveri a Guadalajara

Guerre della droga in Messico, dieci cadaveri a Guadalajara




Ben dieci sono i cadaveri, rinvenuti con segni di armi da fuoco, dalla polizia, in un quartiere a sud di Guadalajara, nel Messico centro-occidentale. Sette corpi sono stati ritrovati sepolti nel cortile di una casa. La notizia è stata diffusa direttamente dal procuratore locale, spiegando che le autorità ipotizzano siano i corpi degli uccisi in seguito ad un regolamento di conti tra narcotrafficanti.


La macabra scoperta è avvenuta martedì, nel quartiere Aqua di Villa Fontana, dopo che un vicino ha chiamato la polizia dicendo di aver visto tracce di sangue all'ingresso di una casa. I primi tre cadaveri, uccisi da armi da fuoco, sono stati trovati subito all'interno dell'abitazione, riferiscono le fonti governative, quindi, dopo alcune ore, con l'aiuto dei cani poliziotto, sono stati rinvenuti altri quattro corpi nel cortile, tre uomini e una donna e infine il giorno dopo sono stati scoperti gli altri tre cadaveri.


Con questo macabro evento, si raggiunge la considerevole quota di quarantatré corpi in condizioni simili, in meno di un mese, trovati alla periferia di Guadalajara, stando a quanto riporta la stampa locale. Aristoteles Sandoval, il governatore dello stato di Jalisco, ha subito rilasciato agli organi d’informazione messicani che gli omicidi sarebbero dovuti a una vera e propria guerra senza quartiere che si è innescata in quel territorio tra gruppi di criminali organizzati nel campo della droga: «Sono in corso delle indagini e alcuni sospetti sono stati Fermati», ha poi aggiunto senza fornire altri dettagli.



DPF

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002