Il Professor Emanuele inaugura il Museo Doebbing, Terzo Pilastro mantiene la cultura di oggi e ieri

Il Professor Emanuele inaugura il Museo Doebbing, Terzo Pilastro mantiene la cultura di oggi e ieri



È una giornata di grande orgoglio culturale per Sutri. Questa mattina infatti Vittorio Sgarbi e il presidente della fondazione Terzo Pilastro, Emmanuele Francesco Maria Emanuele, hanno presentato gli eventi organizzati in occasione dell'apertura del museo di Palazzo Doebbing, che prende il nome da Joseph Bernardo Doebbing, uomo di fede e di grande cultura eletto vescovo di Sutri e Nepi nel 1900. Il festival d'autunno a Sutri inizierà il 15 settembre 2018 e terminerà il 13 gennaio 2019.


L’apertura al pubblico del Museo di Palazzo Doebbing, dopo il restauro, imponeva la realizzazione di una serie di iniziative espositive convenienti per configurarlo come nuovo punto di riferimento culturale.

Architettura dominante del centro storico della città di Sutri, Palazzo Doebbing è Museo e Palazzo delle Esposizioni in collegamento con il Parco Archeologico, insieme al quale costituisce una imprescindibile offerta culturale alle porte della Tuscia. Nove saranno le prime mostre, realizzate anche con il contributo della Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale che apriranno il 15 settembre. La decima inaugurerà il 15 dicembre. Di seguito le mostre.

⦁ La Bellezza di Dio. Dipinti e oggetti d’arte dal XIV al XVII secolo nella Tuscia

⦁ Giuseppe Pelizza da Volpedo, Idillio Verde

⦁ KOUROS. Wilhelm von Gloeden - Roberto Ferri

⦁ Giovanni Iudice. Il nuovo Quarto Stato: migranti

⦁ Animali e Piante Immortali. Luciano e Ivan Zanoni

⦁ Matteo Basilè. ICONE

⦁ EVA. To the Wonder

⦁ Italo Mus. Sotto il cielo.

⦁ Luigi Serafini. Altalena Etrusca. Monumento a Sutri

⦁ Tiziano, Estasi di San Francesco


Piene di significato e considerazioni su cui riflettere le dichiarazioni di Vittorio Sgarbi in merito alle mostre: «In queste stanze, restaurate con sensibile attenzione e sobrio gusto, saranno accolti, con alcuni capolavori della Tuscia, dipinti di grandi maestri, in armonia con i luoghi, a partire dall'Idillio verde di Giuseppe Pellizza da Volpedo, di cui quest’anno ricorre il centocinquantesimo anno dalla nascita. Idillio verde, altrimenti detto Passeggiata amorosa, proveniente dal museo civico di Ascoli Piceno, rappresenterà, nel nuovo museo di Palazzo Doebbing, la meditazione lirica, la sintesi di amore e natura, l’interiorità romantica espresse da Giuseppe Pellizza da Volpedo, rispetto all'impegno politico del Quarto stato che inaugura il XX secolo, ed è forse il primo dipinto di soggetto civile della nostra tradizione pittorica, icona delle lotte proletarie di tutto il Novecento. Dello stesso anno inaugurale, il 1901, è Idillio verde. La presenza di Giuseppe Pellizza da Volpedo, nella sua duplice essenza romantica e rivoluzionaria, rappresenta l’augurio perfetto per il Rinascimento della Città.

In attesa di una disposizione museale, verrà trasferita a Palazzo Doebbing una parte dell'Antiquarium di Sutri, con il celebre Efebo, mentre vi troveranno ricovero le opere più a rischio del patrimonio della diocesi, in questa circostanza oggetto della grande e luminosa mostra La bellezza di Dio. Altri spazi espositivi saranno destinati alle fotografie di Wilhelm von Gloeden in dialogo con i dipinti di Roberto Ferri, virtuoso maestro intorno al quale abbiamo istituito a Sutri l'Accademia di Belle Arti, presieduta da Emmanuele Emanuele, che aprirà i suoi corsi a primavera, in Villa Savorelli. Ampio spazio anche all’arte contemporanea con la presentazione di una proposta di respiro internazionale: la mostra dell’artista russa EVA dal titolo To the wonder, con installazioni video e fotografie. Sulle terrazze e nel giardino troveremo Animali e piante immortali, ferri battuti creati dalla mano e dal cuore di Luciano e Ivan Zanoni. Il nuovo Quarto stato di Giovanni Iudice pone alla riflessione il tema dei Migranti nel dilemma tra accoglienza e respingimento mentre le opere di Italo Mus dialogano con Pellizza da Volpedo consacrando l’uomo Sotto il Cielo. La forza delle immagini di Matteo Basilé supera i confini del mezzo fotografico, analogamente Luigi Serafini trasferisce il mito nel presente progettando un monumento etrusco per Sutri. Infine, il 15 dicembre, sempre dal museo di Ascoli Piceno, arriverà la grande, maestosa tela con L'Estasi di San Francesco di Tiziano, il cui incandescente paesaggio è una risposta tellurica, sulfurea all'Idillio verde. Così si inaugura il nuovo museo, nel palazzo ripristinato agli inizi del secolo scorso da un vescovo tedesco illuminato, Giuseppe Bernardo Doebbing, e oggi restaurato e restituito al pubblico godimento, in una perfetta armonia fra Regione, Curia, e Amministrazione comunale. Con il sostegno e il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei ministri, dei Ministeri dell'Interno, dei Beni culturali, dell’Istruzione, del Lavoro e dello Sviluppo Economico e con il fondamentale contributo della Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele». L'egregio Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele ha poi aggiunto: «Come ho già avuto modo di dire allorché Vittorio Sgarbi mi ha conferito, a luglio scorso, la cittadinanza onoraria di Sutri, io amo profondamente questa cittadina, che anni fa mi colpì a tal punto per la sua bellezza da indurmi ad acquistare una casa e a farne, da allora, il luogo in cui più mi piace rifugiarmi quando mi allontano da Roma. È stato perciò naturale, per me, rispondere affermativamente e senza indugi all’appello del Sindaco, che intende fare di Sutri una meta inevitabile a cominciare dal Museo di Palazzo Doebbing con ben dieci mostre in contemporanea, che coniugano arte sacra e profana, fotografia e pittura, maestri della tradizione e artisti moderni. Vogliamo partire da qui, da questo luogo perfetto per armonia e storia, per fare della cultura, dell’arte e del bello, vere risorse di questo nostro straordinario Paese, gli strumenti per una rinascita umanistica ed economica della Tuscia».


Le Strade e la Storia

⦁ 12 settembre. Intitolazione strada a Pierpaolo Pasolini: voce Walter Siti.

Intitolazione strada Giuseppe Peano: voce Pierluigi Odifreddi.

⦁ 14 settembre alle ore 17:00. Inaugurazione del Museo di Palazzo Doebbing, con concerto dell’Orchestra di Piazza Vittorio alle ore 18:00, offerto dalla Fondazione Cultura e Arte per volontà del Prof. Avv. Emmanuele Francesco Maria Emanuele.

⦁ 15 settembre. Intitolazione Largo a Enzo Tortora: voci Silvio Berlusconi e Antonio Tajani.

Commemorazione Sergio Marchionne

⦁ 16 settembre. Rappresentazione teatrale Tableaux vivants da Caravaggio nella Chiesa di San Francesco in Piazza San Francesco.

⦁ 19 settembre. Intitolazione strada a Leonardo Sciascia: voci Felice Cavallaro, Matteo Collura.

Intitolazione strada Cesare Pavese: voce Furio Colombo.

⦁ 23 settembre. Intitolazione strada a Primo Levi: voce Moni Ovadia.

Rappresentazione teatrale Cabaret Yddish di Moni Ovadia in Piazza del Comune di Sutri.

⦁ 29 settembre. Intitolazione strada a Benedetto Croce: voce Giulio Giorello.

Intitolazione strada a Federico Zeri: Voce Roberto D’agostino.

⦁ 30 settembre. Intitolazione strada a Oriana Fallaci: voce Luigi Mascheroni.

Intitolazione strada a Julius Evola: voci Pietrangelo Buttafuoco, Alessandro Giuli.

⦁ 1 ottobre. Intitolazione strada a Giovanni Testori: voce Luca Doninelli.

Intitolazione strada a Giorgio Almirante: voce Giorgia Meloni.

Intitolazione strada a Gesualdo Bufalino: voci Emmanuele Emanuele, Massimo Onofri.

⦁ 13 ottobre. Intitolazione strada a Giovanni Gentile: voce Tullio Gregory.

Intitolazione strada a Lodovico Ariosto: voce Nuccio Ordine.

⦁ 16 ottobre. Intitolazione strada a Gian Marco Moratti: voci Luca Cordero di Montezemolo, Massimo Moratti, Piero Prenna.

Intitolazione strada a Paolo Borsellino: voce Alfonso Bonafede

⦁ 17 ottobre. Intitolazione strada a Aldo Pezzana Capranica del Grillo: voce Emmanuele Emanuele

Intitolazione strada a Vittorio Strada: voci Serena Vitale, Adriano Dell’Asta, Olga Strada.

⦁ 24 ottobre. Intitolazione strada a Umberto Eco: voci Mario Andreose, Furio Colombo,

Intitolazione strada a Francesco Cossiga: voci Paolo Del Debbio, Mario Caligiuri, Pasquale Chessa.

Intitolazione strada a Gianroberto Casaleggio: voce Alfonso Bonafede.

In data da definire

⦁ Intitolazione strada a Palmiro Togliatti: voci Emanuele Macaluso, Ugo Sposetti,

⦁ Intitolazione strada a Gaetano Scirea: voce Gianluigi Buffon.


Se tutto ciò è stato possibile lo dobbiamo alla Fondazione Terzo Pilastro-Internazionale, presieduta dal Prof. Avv. Emmanuele F. M. Emanuele. Terzo Pilastro-Internazionale è l'evoluzione della Fondazione Terzo Pilastro-Italia e Mediterraneo, in quanto si fa portatrice e sintesi, su più ampia scala e senza alcun vincolo territoriale, delle due direzioni strategiche di intervento originarie: il Terzo Settore o Terzo pilastro, il non profit, e le tematiche urgenti ispirate dall’osservazione di ciò che accade al di fuori del mondo Occidentale, con uno sguardo che va oltre l’area mediterranea per approdare nei Paesi emergenti in Medio ed Estremo Oriente, futuri protagonisti della nostra Storia. Essa, infatti, opera nei campi sanitario, della ricerca scientifica, sociale e del Welfare, educativo e formativo, culturale ed artistico e svolge la funzione di ponte tra le diverse culture fra Oriente ed Occidente, fra Nord e Sud del mondo.


Un sentito ringraziamento va al personaggio chiave della fondazione, ovvero il suo presidente Emmanuele Francesco Maria Emanuele. Professore universitario, avvocato cassazionista, banchiere, esperto in materia finanziaria, tributaria ed assicurativa, economista, saggista, scrittore e esponente nonché discendente di una grande casata di epoca medioevale della Spagna e dell'Italia Meridionale, Barone di Culcasi e nobile dei Marchesi di Villabianca. Laureato in Giurisprudenza, è stato insignito del Dottorato Honoris Causa in Belle Arti (Degree in Fine Arts) dalla St. John's University di Roma, della Laurea Honoris Causa in Diritto Canonico dalla Pontificia Università Lateranense di Roma e della Laurea Honoris Causa in Humane Letters dall’American University of Rome.

Ha frequentato un corso di economia monetaria e finanziaria presso l'Università di Harvard (Cambridge - Massachusetts - USA). È Professore Ordinario Emerito per chiara fama in Scienza delle Finanze e dello Sviluppo Economico presso l'Universidad Francisco de Vitoria di Madrid. Già professore di Scienza delle Finanze all’Università LUISS Guido Carli, professore in Scienza delle Finanze e Diritto Tributario alla Link Campus University di Malta e docente straordinario di Scienza delle Finanze, Politica Economica ed Economia pubblica presso l’Università Europea di Roma, è  docente del corso “Arte e Finanza” nell’ambito del Master in Management delle Risorse Artistiche e Culturali dell’Università IULM. Già membro del Consiglio di Amministrazione della LUISS di cui è stato anche Vicepresidente, del Consiglio di Amministrazione dell’Università LUMSA, del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Civitas Lateranensis e del Comitato di Indirizzo dell’Università Europea di Roma di cui è stato anche Vice Rettore.

In campo legale, oltre che attività di consulenza e contenzioso in campo tributario e finanziario, è stato commissario di aziende in crisi per il Ministero delle Attività Produttive nonché commissario, liquidatore giudiziale e curatore per la sezione fallimentare del Tribunale di Roma. Sempre per il Tribunale di Roma è stato perito in operazioni di fusione e incorporazione di aziende. Ha manifestato sensibilità ai problemi sociali patrocinando il rientro dei Savoia in Italia e la battaglia in opposizione al Fisco circa il prelievo del 6 per mille. Inoltre, nel corso della sua carriera, ha ricoperto numerosi incarichi come Presidente, membro del Consiglio di Amministrazione e consulente di primarie istituzioni, aziende ed industrie pubbliche e private di livello internazionale in campo finanziario, chimico, metalmeccanico e delle costruzioni. In campo bancario è stato Vice Presidente della Cassa di Risparmio di Roma, Presidente della Società Leasing Roma, Presidente S.i.g.re.c e Consigliere di Mediocredito del Lazio. In campo assicurativo è stato consigliere e successivamente Presidente dell’ISVAP. È Revisore Ufficiale dei Conti dal 1977.

In campo artistico e culturale ha ricoperto le seguenti cariche nel tempo: Ambasciatore presso l'UNESCO per conto del Sovrano Militare Ordine di Malta, membro del consiglio direttivo dell’Associazione Amici dell’Accademia dei Lincei, Presidente della sezione italiana del Consiglio Mediterraneo della Cultura, organismo di natura non governativa nato sotto il patrocinio dell'UNESCO; Presidente della Fondazione Palazzo della Civiltà Italiana, Presidente dell’ Azienda Speciale Palaexpo che gestisce le Scuderie del Quirinale, il Palazzo delle Esposizioni e la Casa del Jazz; Consigliere della Fondazione Teatro dell'Opera di Roma; Presidente del Comitato degli Intellettuali del "Padiglione Italia" della "54ma Esposizione d'Arte - Biennale di Venezia 2011"; Presidente del Comitato Scientifico della "Sezione Arte", per l'attività di esposizione delle arti visive, della "54ma edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto"; Consigliere di Amministrazione della Fondazione Biennale di Venezia; Consigliere del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, per la conservazione, la valorizzazione e la promozione dell’arte sacra antica e contemporanea, con riferimento al patrimonio architettonico e storico-artistico statale ed a quello appartenente ad enti ecclesiastici fino ad aprile 2013, Presidente Onorario dell’Orchestra Sinfonica di Roma.

È attualmente membro del Comitato di Presidenza, Responsabile delle Relazioni Internazionali nonché Responsabile dell’Ufficio Studi dell’Associazione Civita, Presidente della Fondazione Roma e della Fondazione Terzo Pilastro-Italia e Mediterraneo.

Autore di numerosi saggi, negli ultimi anni sono stati pubblicati i seguenti lavori: in materia di politica “Stato e cittadino. La rivoluzione necessaria” (1996); in materia di economia e finanza “L'imposizione dei redditi di capitale delle persone fisiche residenti nei paesi dell'Unione Europea” (1998); “Il non profit strumento di sviluppo economico e sociale” (2001); “Il ruolo dell'impresa pubblica: un dibattito ancora aperto. Le vicende dell'impresa bancaria” (2002); “Una possibile soluzione al modello del Welfare. Un approccio quantitativo” (2002); “Evoluzione e vicende delle Fondazioni di origine bancaria” (II edizione, 2006); “Lezioni di Scienza delle Finanze” (2006); “Il terzo pilastro. Il non profit motore del nuovo welfare” (2008); “Arte e Finanza” (2012). In campo letterario (poesia) ha pubblicato “Un Lungo Cammino” nel 2008, grazie al quale ha ricevuto nel 2009 il “Premio Margutta”, “Le Molte Terre” (2009), raccolta che gli ha valso il “Premio Laurentum” ed il “Premio Letterario Internazionale Mondello - Premio Speciale del Presidente” nel 2010 e, da ultimo,  “La Goccia e lo Stelo” (2013); nel 2011 infine, ha ricevuto il diploma d’Onore dall’Accademia Mondiale della Poesia;

È membro di numerose Associazioni Culturali tra le quali: l’Associazione Internazionale dei Curatori di Arte Contemporanea, il Rotary Club di Salerno di cui è stato socio ordinario, il Rotary Club Palermo, Roma Cassia e Parioli, dei quali è socio onorario, la Fondazione F. Kennedy della quale è membro del Consiglio direttivo, la Pontificia Università Lateranense della quale è membro del Comitato Scientifico per l’area internazionale di ricerca denominata “Caritas in veritate”. È  membro del Comitato Sostenitore Internazionale della XXVIII edizione della Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze, membro del Comitato istitutivo ed organizzativo del “Forum Internazionale del Made in Italy” che si è tenuto nel Principato di Monaco, membro del Comitato di Presidenza dell’Associazione di ricerca Italiadecide, socio onorario dell’Associazione Amici di Santa Cecilia e, di recente, è divenuto Presidente Onorario dell’Associazione Amici Italia Austria.

È membro delle seguenti Accademie: l’Accademia Belgo-Española de Historia di cui è Accademico Correspondiente, l’Accademia Melitense Hispana di cui è Accademico al merito,  l’Accademia Teatina per le Scienze, l’Istituto Internazionale Jacques Maritain di cui è membro del Comitato d’onore, l’Accademia Raffaello di Urbino e la Casa di Dante delle quali è socio onorario, l’Accademia Angelico Costantiniana di Lettere Arti e Scienze di cui è accademico onorario, l’Accademia Sapientia et Scientia presso il Centro Russo di Scienza e Cultura della quale è membro onorario.

Ha praticato moltissime discipline sportive eccellendo in particolare nella scherma. In questo campo si è distinto a livello nazionale ottenendo il 3° posto ex aequo ai Campionati Italiani assoluti dei Giovani di sciabola nel 1958 e vincendo il titolo di Campione siciliano di Fioretto nel 1960/61; successivamente, in campo dirigenziale, è stato prima Presidente del Club Scherma Roma dal 1988 al 1995 vincendo durante il suo mandato ben quattro edizioni del Campionato Italiano per Società (Trofeo Nedo Nadi) e, nella sua veste di Presidente Generale Onorario della Polisportiva Lazio dal 2007 ha sostenuto il Club Scherma Ariccia determinando così la sua confluenza nella Polisportiva e sostenendone il sodalizio nei crescenti successi a livello nazionale. Per tutto questo ha ricevuto il Premio Renzo Nostini “Atleti Olimpici e Azzurri d’Italia” (2009), gli è stata intitolata la scuola di Scherma della S.S. Lazio Ariccia (2013), è stato insignito del “Trofeo Memorial Vito Resse” (2014), del Premio “L’Elsa d’Oro” dalla Federazione Italiana Scherma (2014) per “la grande stima che il mondo della scherma nutre nei suoi confronti e che ha visto in lui sempre un punto di riferimento etico e di immagine” e, di recente,  sempre in qualità di Presidente Generale Onorario della S.S. Lazio, gli è stato conferito il 3° Trofeo Memorial Nostini quale “custode della lazialità e dell’ideale olimpico”. Oltre la scherma ha praticato con successo il canottaggio raggiungendo risultati encomiabili nella quattro e nell’otto jole guidata dal famoso timoniere della nazionale italiana Rubolotta; tra questi risultati il primo posto alle competizioni interregionali di Pergusa nel 1957. È inoltre membro di diverse associazioni sportive come lo R.D.S. Rugby Roma di cui è stato anche Vice Presidente negli anni 1998/2000, l’Accademia Olimpica Nazionale Italiana dal 2007 e la Società Mitteleuropea della Caccia a Cavallo di cui è socio onorario dal 2010.

Ha ricevuto innumerevoli riconoscimenti a livello nazionale ed internazionale, sia per l'attività scientifica, sia per la sua costante attenzione alle questioni filantropiche e umanitarie, tra cui: Premio “Allori del Palatino” (2001); Premio “Calabria” (2001); Premio “La colomba della pace” (2001);  Premio “Anthai per la Solidarietà” (2002);  Premio “International Life Award” (2002); Premio “Federichino” (2002); Premio Internazionale “Foyer des Artistes” (2005); Premio “Le ragioni della Nuova Politica” (2006); Premio “Campidoglio” (2007); Premio “Simpatia” (2007); Medaglia d’Oro per la ricerca scientifica conferita dalla IRCCS G.B. Bietti (2007); Premio “Antonello da Messina” (2008),  Premio “Arte e Cultura La Bagnaia” (2009); Premio alla Cultura della Casa Editrice “Pagine” (2009);; Titolo di “Ambasciatore Musicorum Princeps” (2009); Premio “Fata Morgana” (2010); Premio “Il Sogno di Piero” (2010); diploma di Benemerenza dalla Fac. Di Medicina e Chirurgia dell’Università Sacro Cuore (2010); diploma di benemerenza dalla Croce Rossa Italiana; XXX “Premio della Carità” dell’Associazione Internazionale Regina Elena Onlus (2011); Premio Giornalistico “Lucio Colletti” (2011); Premio della Italy - America Chamber of Commerce for “Business and Culture” (2012); “Premio Oriente- Scienza e libertà” per la cultura-Centro Studi Lucio Colletti (2012), Premio Internazionale Associazione “Guido Dorso” per l’economia (2012), Premio “Amicizia 2012” conferito da Confimpreseitalia; titolo di “Ambasciatore” del Club Royal Fiaba conferito dall’Associazione Fiaba Onlus (2012), la Medaglia Puškin, conferita dal Presidente della Federazione Russa (2013), Titolo di Portavoce e Ambasciatore di Buona Volontà della FAO in Italia e nel mondo insieme all’Orchestra Sinfonica di Roma (2013), il Premio “Giovanni Paolo II” dall’Università Cattolica Sacro Cuore di Roma(2013), il Premio Ignazio Silone per la Cultura (2013), il Premio Accademico Pedagogista (2013), il Premio Unesco – Valldigna (2014) per il suo impegno decennale in favore della promozione del dialogo tra i Paesi del Mediterraneo, il Premio “la Chimera di Icastica 2014” conferitogli dalla Città di Arezzo in occasione della presentazione del libro Arte e Finanza tenuta nel Comune della stessa con la seguente motivazione: per la straordinaria poliedricità che gli ha permesso di coltivare quasi ogni terreno dell’umano sapere, dall’arte alla letteratura, dalle scienze giuridiche a quelle economiche, senza mai trascurare attività filantropiche e umanitarie, ricevendo per tutto questo innumerevoli riconoscimenti a livello nazionale e internazionale e, di recente, la medaglia di benemerenza della Casa Angelo Comneno di Tessaglia e di Epiro conferitagli dall’Accademia Angelico Costantiniana (2014).

Ha ottenuto la cittadinanza onoraria della città di Dujiangyan (Sichuan) dal governo della Repubblica Popolare Cinese nel settembre 2009, e la cittadinanza onoraria di Latina il 18 Gennaio 2013.


di Alessio la Greca

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002