L'educazione alla legalità in una summa di pensieri di Autori altamente qualificati

L'educazione alla legalità in una summa di pensieri di Autori altamente qualificati



"Educazione alla legalità. Contributi e proposte”, a cura di Pierluigi Granata e Francesco Sidoti (LINEA edizioni), è una suggestiva summa di pensieri di Autori altamente qualificati, ognuno con un suo diverso taglio, chi filosofico, chi sociologico, chi politologico, che squisitamente giuridico: la legalità nelle sue diverse sfaccettature, multiformi declinazioni, poliedrici approcci; la legalità calata nel mondo dell’economia e della finanza, nell’universo giudiziario, immersa nel contesto europeo ed internazionale; i rapporti della legalità con la morale; essere un buon cittadino italiano e la sua connessione con un profondo senso della legalità; educare alla legalità come asse portante dell’educazione civica; e poi il rapporto da sempre difficoltoso fra italiani e la Pubblica Amministrazione.


La fiducia negli altri come archetipo di una legalità autenticamente esistente nelle dinamiche istituzionali e in seno alle relazioni umane: «La fiducia è un moltiplicatore di legalità».

La legalità è il vero grimaldello per scardinare i tanto plurinominati «poteri forti»: «I poteri forti si lavano le mani del dovere di rendere le vite vivibili, le incertezze esistenziali vengono privatizzate. La responsabilità di affrontarle è gettata completamente sulle spalle del singolo». Si parla molto di legalità ma la si vive e pratica toppo poco: non è conveniente, è fuori moda. Le riflessioni fra l’erudito e il pratico degli Autori spingono il lettore a calare le idee platoniche nel proprio contesto esistenziale; la legalità come «insieme assai composito di idee, norme, strutture» è gettata nell’arena del quotidiano. Dalla legalità alla politica il passo è breve, anche se la domanda conclusiva è un'altra: e se fosse l’etica a poter dipanare l’arcano, a prendere per mano gli esseri umani e accompagnali verso un’altra forma di politica, verso un nuovo modo di agire pubblico e privato?


“Educazione alla legalità” è un percorso piastrellato di dialettica, dialogo, argomentazioni articolate e approfondite; è un turbinio che da più angoli prospettici provoca discettazioni che si proiettano in direzione di un pensiero sintesi di tutti pensieri, ad una idea palingenesi di tutte le idee: una “etica planetaria”, una sorta di esperanto della morale, fondamenta della legalità che informa la condotta di ogni uomo e consente l’emersione di un bene comune da cui tutti, ma proprio tutti, possano attingere a piene mani e godere dei suoi frutti benefici.

Dalla vita nuda alla vita qualificata, dalla biologia alla biografia, dallo zoé al bios, legalità come prima, durante e dopo per innalzare l’uomo a cittadino e il cittadino al saggio, giusto e retto gerente della res publica. Solo quando capiremo che il bene pubblico appartiene prima di tutto a noi, la legalità assumerà una forma non più ectoplasmatica ma corporea e fisica, sangue e carne, respiro e anima, dove l’economia, la finanza, il diritto e l’ordinamento statuale assumeranno una nuova luce, un diverso contorno, una inaspettata vitalità, tangibile con tutti i cinque sensi.


di Fabrizio Giulimondi

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002