Lecce, arrestati 7 ex amministratori e consiglieri comunali: scambiavano voti con alloggi

Lecce, arrestati 7 ex amministratori e consiglieri comunali: scambiavano voti con alloggi


Arrestate in queste ore 7 persone e indagate altre 46 accusate per associazione per delinquere finalizzata alla compravendita di voti elettorali, abuso d’ufficio e falso ideologico. Si tratta di ex amministratori comunali, consiglieri (alcuni ancora in carica) e dirigenti del Comune di Lecce. L’inchiesta principale era stata aperta in realtà tre anni fa e aveva incontrato una prima svolta nel pieno della campagna elettorale 2017, quando erano venuti fuori nomi importanti nel Comune di Lecce, tra i quali anche l’allora sindaco Paolo Perrone e il suo predecessore Adriana Poli Bortone.

Sarebbe stata ora accertata l’assegnazione indebita di alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica in favore di persone in cambio del loro voto in sede elettorale. Inoltre vi è l’occupazione abusiva tali alloggi e l’accesso illegittimo a forme di sanatoria di cui alla Legge Regionale 10 del 2014 concesse in assenza dei requisiti richiesti. A seguito di una richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica nel mese di dicembre dello scorso anno, i finanzieri del Comando Provinciale di Lecce hanno eseguito un’ordinanza emessa dal giudice del Tribunale di Lecce, Giovanni Gallo. Nove le persone interessate: due destinati al carcere, cinque agli arresti domiciliari e due con obbligo di dimora. Gli arresti sono stati poi richiesti dai pm Massimiliano Carducci e Roberta Licci e in qualche ora i militari della Guardia di Finanza hanno proceduto con gli arresti.

In carcere Umberto Nicoletti e Nicola Pinto, individui ritenuti legati alla malavita organizzata, accusati del pestaggio, nel 2015, dell'uomo che nel 2013 con la sua denuncia dette il via all'inchiesta penale. Sono finiti ai domiciliari l’ex assessore e attuale consigliere comunale Attilio Monosi, il consigliere comunale PD Antonio Torricelli, il dirigente comunale Lillino Gorgoni , l’ex assessore della giunta Perrone Luca Pasqualini e il 27enne Andrea Santoro. Solo interdittiva invece per i dirigenti e funzionari dell’ufficio casa Piera Perulli, Giovanni Puce, Paolo Rollo e Luisa Fracasso.

Fra gli indagati spunta anche il nome di Roberto Marti, senatore leghista, indagato anche per tentato peculato.

Dalle intercettazioni telefoniche e dai capi di imputazione ci sono anche nomi di vari big della politica locale e nazionale, ma il loro coinvolgimento nel mercato illecito dello scambio di voti in cambio di alloggi popolari è stato escluso.


Niccolò Lumini

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002