Lega primo partito nei sondaggi per le europee, continua il calo del Ppe

Lega primo partito nei sondaggi per le europee, continua il calo del Ppe



Il Ppe continua ad essere il primo gruppo ma è comunque in calo. Insieme ai socialisti non riesce ad avere la maggioranza dei seggi e quindi sarà costretto ad alleanze di legislatura. I partiti sovranisti avanzano ma non sindaco mentre c’è un balzo in avanti dei Verdi. È questo lo scenario che si prefigura secondo la nuova proiezione del Parlamento europeo, basate sui sondaggi nazionali e confrontate con le proiezioni del 18 febbraio scorso.


In particolare rispetto alle ultime rilevazioni, il Ppe scende da 184 a 181 seggi (con Forza Italia però che sale da 8 a 9). L'Efdd che riunisce i partiti euroscettici da 43 a 39 seggi, con il M5S che scende da 22 a 21 seggi, mentre l'Enf (partiti di estrema destra) stabile a 59 seggi con la Lega che però passa da 27 a 28 eurodeputati. Stabili i Socialisti e democratici (S&D) a 135 (il Pd cala da 15 a 14 seggi), come i Liberali Alde con 75 seggi. Giù l'Ecr dei Conservatori e riformisti che passa da 51 a 46 seggi (con FdI stabile a 4). I Verdi salgono invece da 44 a 49 e la sinistra Gue da 46 a 47 eurodeputati. Se invece si considerano le proiezioni odierne con l'attuale composizione dell'Eurocamera si nota invece un generalizzato calo di Popolari (da 217 eurodeputati a 181), Socialisti (da 186 a 135), Verdi (da 52 a 49), Gue (da 52 a 47), e dell'Efdd (da 41 a 39). In aumento invece l'Alde (da 68 a 75), balzo in avanti per l'Enf (da 37 a 59). Le proiezioni tengono conto dell'uscita del Regno Unito a seguito della Brexit con una riduzione degli europarlamentari dagli attuali 751 a 705. I nuovi partiti, come quello di Macron sono inseriti nella categoria altri.


La Lega si conferma primo partito italiano con più eletti alla futura Eurocamera e con 28 seggi (6 nelle scorse europee e 27 in base al precedente sondaggio) e si attesta come secondo partito dopo la Csu/Cdu (34). Il M5S perde un seggio rispetto alle rilevazione del 18 febbraio a 21 (14 i seggi nel voto del 2014). Il Pd è a 14 seggi (26 nel 2014) e Forza Italia passa da 8 a 9 seggi. In sostanza, come vediamo, il Parlamento europeo segue l’evoluzione dei consensi politici a livello nazionale. La crescita dei Verdi è speculare a quanto emerso in Germania.

Alla vigilia di questi dati, Berlusconi, con una intervista a La Stampa, ha lanciato l’ennesimo invito a Salvini a mollare i 5Stelle. Il messaggio è espslicito: “La Lega deve tornare nel centrodestra o pagherà il conto alle urne”. Il leader di Forza Italia e candidato alle europee, vede un’Italia che “si è isolata da sola” e dice che è una illusione pensare di “poter contare sulla solidarietà dei Paesi cosiddetti sovranisti” dal momento che “quei Paesi hanno a cuore la loro sovranità nazionale e non la nostra e sul piano delle regole economiche sono tra i più severi”. Il Ppe, per Berlusconi, “deve tornare a svolgere il suo ruolo alternativo alla sinistra, impegnato a costituire un’Europa fondata sui valori della tradizione giudaico-cristiana e greco romana”. Berlusconi quindi vede “più possibile un’alleanza tra Ppe e sovranisti piuttosto che con la sinistra” che peraltro è in crisi in tutta Europa. La richiesta del leader di Forza Italia però non ha è stata finora recepita da Salvini che in tutte le dichiarazioni sembra considerare finita la stagione di un’alleanza con l’ex Cavaliere.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002