Massacrò Luca Varani, confermati 30 anni di galera a Manuel Foffo
  • AF

Massacrò Luca Varani, confermati 30 anni di galera a Manuel Foffo



Manuel Foffo dovrà scontare trent'anni di galera. È arrivata anche la sentenza di secondo grado, emanata dalla prima Corte d’assise d’appello di Roma, per il giovane responsabile, insieme con l'amico Marco Prato, di aver seviziato e ucciso Luca Varani, il romano massacrato il 4 marzo del 2016 al culmine di un festino a base di alcol e droga.


I giudici dell'Appello hanno cosi confermato la condanna del gup Nicola Di Grazia, che nel febbraio 2017 aveva inflitto a Foffo trent'anni riconoscendo l’aggravante della crudeltà all’accusa di omicidio volontario, ma non la premeditazione. La prima pronuncia era arrivata dopo il rito abbreviato, grazie al quale l'imputato ha ottenuto la riduzione di un terzo della pena, risparmiandosi così il fine pena mai. Un omicidio in concorso con Marco Prato, che però non ha retto alla detenzione e si è suicidato in cella il giorno prima dell'inizio del processo ordinario. Nel corso del procedimento giudiziario, è stata disposta una perizia d’ufficio per verificare se Foffo fosse capace di intendere e di volere al momento del delitto e i risultati hanno pesato sulla condanna, in quanto per i consulenti non c'è dubbio che l'imputato abbia agito con lucidità. E soprattutto con crudeltà. Varani venne seviziato per ore e moriì per dissanguamento. Già subito dopo il delitto Prato confessò di aver tentato il suicidio quella notte stessa, con un mix di alcool e medicine nella stanza di un albergo a piazza Bologna, dove si era fatto accompagnare dall’amico. Foffo, invece, passò la notte nell’appartamento del massacro e si addormentò come se nulla fosse a pochi metri dal cadavere. Poi confessò al padre l’omicidio e si costituì alle autorità la mattina seguente.


«Foffo non si è mai pentito della sua azione, non ha chiesto perdono. Luca è stato umiliato senza un briciolo di compassione. In questa vicenda», hanno detto gli avvocati della famiglia Varani, «perdono tutti, vince solo il male».

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002