Massimo Ferrero in "fuori gioco", la Gdf sequestra conti e beni al presidente della Sampdoria

Massimo Ferrero in "fuori gioco", la Gdf sequestra conti e beni al presidente della Sampdoria



Massimo Ferrero e la Sampdoria, squadra di cui è presidente dal 2014, sono al centro di un'inchiesta condotta dal Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Capitale su disposizione del gip del Tribunale di Roma. L'inchiesta coinvolgerebbe sei persone e le accuse vanno da appropriazione indebita, truffa, emissione e utilizzo di fatture false, autoriciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. La Guardia di Finanza ha eseguito un decreto di sequestro di beni e conti correnti riferiti alla squadra genovese e al suo patron: 2,6 milioni di euro sequestrati tra beni e disponibilità finanziarie riguardano Massimo Ferrero, mentre 200 mila euro, oltre a uno stabile nel centro di Firenze in via dei Renai, sono riconducibili alla Sampdoria.

Nell'inchiesta denominata "Fuori gioco", condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria del capoluogo ligure, sono al momento sotto la lente degli inquirenti i conti della società calcistica, il cui passaggio dall'ex presidente Edoardo Garrone (che la cedette a titolo gratuito a Ferrero, sobbarcandosi anche l'onere dei 15 milioni di euro di debito della squadra) a Massimo Ferrero causò non pochi dubbi sulla sua linearità. Secondo gli agenti della Guardia di Finanza coinvolti nell'indagine, sarebbero stati sottratti 1,2 milioni di euro dalle casse societarie, riferiti alla cessione nell'estate del 2015 del calciatore spagnolo Pedro Obiang. Tale denaro sarebbe stato prelevato per mezzo di fatturazioni false emesse da una società riconducibile allo stesso Ferrero, seppure gestita da terzi, e successivamente riutilizzato per sanare conti di società del gruppo in crisi e per produrre un film per conto di due società anch'esse riconducibili al "Viperetta", soprannome con cui è noto chiamarsi il presidente blucerchiato.


Anche la Procura della Federcalcio, guidata da Giuseppe Pecoraro, ha aperto un fascicolo a carico di Ferrero e ha inoltrato alla Procura di Roma la richiesta di avere accesso agli atti riguardanti il sequestro di beni per le presunte fatturazioni false.



di Alessandro Leproux

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002