Maturità, ecco l'ultima terza prova della storia, dall'anno prossimo test Invalsi
  • AF

Maturità, ecco l'ultima terza prova della storia, dall'anno prossimo test Invalsi


Nelle scuole sede di seggio mercoledì 27 ma nel resto d’Italia oggi, 25 giugno, si chiude un’epoca per i maturandi dei licei ed istituti superiori italiani. Per l’ultima volta nella storia si terrà la fatidica terza prova, cosiddetto “quizzone”, introdotto dalla riforma Berlinguer alla fine degli anni ‘90. Dall’anno prossimo si cambia e, a meno di sorprese dell’ultimo minuto, la terza prova sparirà. Dal prossimo anno sarà il test Invalsi a prendere il suo posto, in un calendario scolastico che verrà successivamente definito.

Clicca qui per conoscere le tipologie di terza prova nella maturità 2018 L’esame 2019 sarà composto da tre prove in tutto, con due scritti ed un orale. Oggi i ragazzi hanno quindi effettuato “l’ultimo quiz” e, a quanto pare, con qualche aiutino da parte dei commissari in sede di preparazione all’appuntamento. Sì, perché nell’articolo sopra linkato, scoprirete che in data venerdì 22 giugno le commissioni si sono riunite, come da calendario, per decretare tipologia, argomenti e quesiti.

Su 1500 maturandi, secondo un sondaggio di Skuola.net, quasi 3 su 5, in barba al divieto, hanno ricevuto informazioni dai professori sulle materie oggetto di terza prova. Alcuni, i più fortunati, hanno addirittura ricevuto un’anteprima del contenuto delle domande.


Nonostante ciò, tanti si sono comunque attrezzati con i metodi più variegati per copiare. Solo il 30% degli intervistati ha denunciato un occhio particolarmente severo da parte dei commissari, più inclini del solito a chiudere un occhio. C’è addirittura un 10% che ha assicurato d’avere via libera alla copiatura: questo non vuol dire che la terza prova è stata presa sotto gamba, infatti quasi 6 su 10 hanno occupato la maggior parte del tempo a prepararla, anziché concentrarsi sul grande ripasso in vista dell’orale.


La terza prova ha lo scopo di verificare la multidisciplinarità delle conoscenze acquisite ed è elaborata internamente dalla commissione d’esame, che sceglie tipologia di prova ed argomenti in base al percorso di studi approvato dal Consiglio di classe entro il 15 maggio. Il voto massimo è di 15/15, con 10 punti si ha la sufficienza.


Alessandro Sticozzi

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002