Crolla scala mobile della metro a Roma, più di venti feriti



«All’improvviso le scale mobili hanno ceduto e chi non è riuscito a saltare si è fatto male». Queste, le parole di uno dei ragazzi russi che ieri si trovava sulle scale mobili della metro Repubblica di Roma quando hanno cominciato a cedere. Il tutto è accaduto verso le 19.30 di sera, la ferrovia era affollata da tifosi del Cska Mosca che si dirigevano verso l’Olimpico per l’incontro di Champion League con la Roma. Oltre 20 tifosi sono stati portali in ospedale, tra cui sette in codice rosso e uno che rischia l’amputazione del piede.

Non era la prima volta che i tifosi si radunassero per andare allo stadio insieme. Si erano dati appuntamento per partire in circa 400. Poi, tra cori, urla e frenesia, il crollo delle scale mobili ha colto tutti di sorpresa. Alcuni sono riusciti a saltare via, altri invece sono rimasti incastrati tra gli ingranaggi. In tutto sono stati 24 i feriti, quasi tutti russi ma tra loro anche qualche italiano.


Il primo pensiero per molti è stato quello di un attentato, ma poco dopo sono state smentite le voci in Piazza della Repubblica. Tra lo spavento e il caos sono subito intervenuti vigili del fuoco e medici. Dopo che sono stati soccorsi tutti i feriti, l’area è stata posta sotto sequestro così da stabilire le cause del crollo. Sia la procura di Roma che l'Atac hanno già avviato l’inchiesta e a al momento il fascicolo è aperto per lesioni. Secondo alcune voci a provocare il cedimento sarebbero stati proprio i tifosi del Cska Mosca che, ubriachi, tutti insieme hanno saltato sulle scale mobili intonando i cori: è stato a quel punto che la struttura è venuta giù. La stessa Virginia Raggi, giunta poco dopo sul posto aveva dichiarato: «Testimoni hanno visto i tifosi ballare sulle scale. Siamo qui per capire».Dal video postato in rete da un tifoso russo però, si vede chiaramente come la scala mobile aveva preso una velocità eccessiva, tra chi si aggrappava al corrimano e chi è caduto in basso sbattuto dalla velocità. Ma l’Atac si difende, sostenendo che «i controlli e la manutenzione delle scale mobili della metropolitana di Roma all'interno delle stazioni vengono fatte con cadenza mensile. E ciò ha interessato anche la stazione di Repubblica».Cosa abbia provocato l’incidente lo stabiliranno i magistrati, per ora nessuno si sbilancia ma quello che è successo è molto «strano», come lo ha definito il comandante dei vigili del fuoco.


Di Ilaria Proietti Mercuri




0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

SBAGLI