Microsoft in allarme: democrazia a rischio dagli attacchi degli hacker




William Gibson in “Neuromante”, il romanzo cyberpunk che rinnovò il genere letterario, nei primi anni Ottanta aveva già previsto tutto ed è quanto sta accadendo nel nostro presente chhe allora veniva prospettato come un futuro ancora da venire.


Brad Smith il presidente di Microsoft ha commentato così in un suo post: «È chiaro che le democrazie di tutto il mondo sono sotto attacco. Entità straniere stanno lanciando attacchi informatici per interrompere le elezioni e seminare discordia. Internet è diventato un modo per alcuni governi di rubare e divulgare informazioni, diffondere disinformazione, sondare e tentare di manomettere i sistemi di voto». La compagnia leader dell’informatica e dei software ha annunciato infatti di aver scoperto alcuni hacker probabilmente al soldo del governo russo che operavano nella rete su altri gruppi politici nordamericani.


Già in precedenza, nelle elezioni presidenziali degli stati uniti del 2016, nelle presidenziali francesi del maggio scorso vi sono stati molti tentativi di interferenze da parte di hacker stranieri e adesso che si avvicinano le elezioni di metà mandato a novembre sta aumentando il livello delle minacce informatiche indirizzate ad entrambi i partiti politici degli Stati Uniti. Il che dimostra quanto ancora ci sia da fare per proteggere anche dal punto di vista informatico e tecnologico il processo democratico.


stando alle informazioni ricevute, la settimana scorsa l'Unità crimini digitali di Microsoft avrebbe fatto bloccare sei domini internet creati da un gruppo associato al governo russo e noto come “Strontium". I domini incriminati e falsi, stavano cercando di presentarsi come il Senato e al posto dell'Hudson Institute e dell'International Republican Institute, due organizzazioni conservatrici americane. Per cercare di arginare la continua minaccia d’invasione digitale, Microsoft ha dunque lanciato un'iniziativa chiamata "AccountGuard", cioè un software che fornirà una protezione informatica all'avanguardia, e senza costi aggiuntivi, a tutti i candidati e agli uffici coinvolti nella campagna elettorale a livello federale, statale e locale, e anche ai think tank e alle organizzazioni politiche che possano essere sotto attacco da parte di hacker. Una nuova tecnologia che sarà gratuita per gli utenti di Office 365, notificando loro i tentativi di intrusione e fornendo al tempo stesso una guida per mettere in sicurezza tutti i sistemi informatici.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002