Minneapolis: proteste fuori controllo, arrestato il poliziotto responsabile della morte di Floyd

Minneapolis: proteste fuori controllo, arrestato il poliziotto responsabile della morte di Floyd


Dopo quattro giorni di proteste violentissime che da Minneapolis rischiavano di estendersi a tutta l'America, e' stato arrestato e incriminato per omicidio preterintenzionale Derek Chavin, l'agente che lunedi' scorso soffoco', durante l'arresto, l'afroamericano George Floyd, 46 anni, schiacciandogli il collo con il ginocchio. Il procuratore della Contea di Hennen, Mike Freeman, l'ha definita "l'incriminazione piu' veloce in un'indagine contro un agente di polizia". L'ufficio del procuratore ha esaminato i resoconti dei testimoni, il video dell'accaduto e altre prove che hanno portato all'arresto di Chauvin, ha spiegato Freeman. Gli altri tre poliziotti coinvolti non sono stati ancora arrestati ma sono sotto indagine. Dalle testimonianze locali, in particolare quella del vice presidente del consiglio comunale, Andrea Jenkins, e' emerso che Floyd e Chauvin, si conoscevano molto bene perche' avevano lavorato insieme per diversi anni nella sicurezza di un night club. "L'incriminazione dell'agente e' un primo passo essenziale", ha commentato il sindaco della citta', Jacob Frey, che oggi si e' svegliato con edifici e auto ancora fumanti dopo una notte di guerriglia. "Siamo una nazione a un bivio e la decisione odierna del procuratore della contea e' un primo passo essenziale su una strada piu' lunga verso la giustizia e la guarigione della nostra citta'", ha affermato il primo cittadino in una nota. Un primo passo che pero' non sara' sufficiente a placare gli animi, con la tensione che resta altissima anche a causa di alcuni tweet del presidente, Donald Trump, che dopo aver promesso giustizia per la vittima, ha usato parole di fuoco contro quelli che ha definito "criminali" che hanno commesso atti vandalici e saccheggi e ha minacciato l'uso della forza. Il suo predecessore, Barack Obama, ha invece puntato il dito contro una normalita' che non puo' piu' essere accettata nell'America del 2020. "E' naturale augurarsi un ritorno alla normalita' dopo la crisi sanitaria ed economica del Covid-19 ma dobbiamo ricordare che per milioni di americani, essere trattati in modo diverso a causa della razza e' tragicamente, dolorosamente ed esasperatamente 'normale', sia che si tratti di del sistema sanitario o del sistema giudiziario o di fare jogging strada, o semplicemente di guardare gli uccelli in un parco", ha commentato Obama. "Non dovrebbe essere normale nell'America del 2020. Non puo' essere normale. Se vogliamo che i nostri figli crescano in una nazione all'altezza dei suoi grandi ideali, possiamo e dobbiamo essere migliori", ha aggiunto. "Nessuno di noi puo' volgersi dall'altra parte, nessuno di noi puo' stare in silenzio. Nessuno di noi vuole piu' sentire quella frase, 'non respiro', e non fare niente", ha invece dichiarato Joe Biden che ha sentito al telefono la famiglia di Floyd.

l democratico ha poi attaccato Donald Trump, dicendo: "Questo non e' il tempo per scrivere tweet incendiari. Non e' il tempo per incitare alla violenza. Abbiamo bisogno di una vera leadership, e ne abbiamo bisogno ora". Poche ore dopo la notizia che il commissariato numero tre a Minneapolis era stato dato alle fiamme ed evacuato "per la sicurezza del personale", Trump se l'era presa con il sindaco "di estrema sinistra", Frey, accusandolo di "debolezza" e avvertendolo di "riportare la situazione sotto controllo" altrimenti inviera' la Guardia nazionale. A stretto giro e' arrivata la risposta del primo cittadino, che in precedenza aveva definito a sfondo razziale l'omicidio Floyd. Ribadendo di essere deciso a "non tollerare" il proseguimento di atti vandalici, Frey ha respinto al mittente le accuse di carenza di leadership: "Debolezza e' puntare il dito contro qualcun altro in un momento di crisi. Donald Trump non sa nulla della forza di Minneapolis, supereremo questo momento difficile". Ma a scatenare la polemica e anche la decisa reazione di Twitter sono state altre affermazioni contenute nel cinguettio di Trump. "Questi criminali stanno disonorando la memoria di George Floyd", ha scritto il capo della Casa Bianca, esprimendo anche il pieno appoggio dell'esercito al governatore del Minnesota, Tim Walz, il quale ha firmato l'ordine con cui attiva l'intervento della Guardia nazionale. "Quando iniziano i saccheggi, si inizia anche a sparare", ha concluso Trump, di fatto ventilando l'uso della forza contro i manifestanti responsabili degli atti vandalici. Questa sua ultima esternazione gli e' costata una nuova 'segnalazione' da parte di Twitter. Il social network guidato da Jack Dorsey ha marcato il post del presidente, oscurandolo parzialmente, perche' ritenuto contrario alle regole di utilizzo del social network e un'incitazione alla violenza. Il tweet non e' stato oscurato del tutto, "poiche' potrebbe essere di pubblico interesse", ma la mossa di Twitter e' destinata a rinfocolare lo scontro gia' acceso con la Casa Bianca. Trump ha poi precisato, sempre su Twitter, che ha parlato di un fatto, non di un'affermazione con il desiderio che accada.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002