Mondiali 2018, per Goldman Sachs ha già vinto il Brasile

Non ci sono dubbi: vincerà il Brasile. Lo sostiene la banca d’affari Goldman Sachs che si diverte ogni quattro anni a fare pronostici per il mondiale. Peccato che sbagli ogni volta.


Nel 2006 aveva previsto che avrebbe vinto il Brasile, e ha vinto l’Italia. Nel 2010 aveva previsto nuovamente che avrebbe vinto il Brasile, e ha vinto la Spagna. Nel 2014 aveva ripetuto che avrebbe vinto (ancora) il Brasile, e ha vinto la Germania.


“Dopo ore di analisi numerica, 200.000 alberi di probabilità e un milione di simulazioni, alcuni dei risultati emersi sono incredibilmente intuitivi: l’Inghilterra incontrerà la Germania ai quarti, e vincerà la Germania. E la Germania incontrerà il Brasile in finale, e vincerà il Brasile” questo è il responso della banca di investimento statunitense.


Certo, visto che la palla è rotonda e va dove vuole, e una buona banca deve sapere anche fare una buona diversificazione degli investimenti, ci sono anche altri opzioni. Cioè: se non dovesse vincere il Brasile, per Goldman vincerà la Francia.


Chissà come finirà, soprattutto se i carioca incontreranno un arbitro tipo Byron Moreno ai Mondiali 2002.



0 commenti