Muore schiacciato a 10 anni mentre rovistava nel cassonetto della raccolta dei vestiti

A dare l'allarme una donna che ha notato le gambe del piccolo sporgere dal cassonetto; la famiglia versava in gravi difficoltà economiche ed era seguita dai servizi sociali

Si era arrampicato verso l'apertura del cassonetto per la raccolta di vestiti usati della Caritas, ma vi è rimasto incastrato dentro, procurandosi una ferita al torace che si è rivelata fatale. La vittima, un bambino di soli 10 anni, si chiamava Karim Bamba, e viveva a Boltiere, un paesino di cinquemila abitanti nella bassa bergamasca, con il padre originario della Costa D'Avorio, la madre italiana e altri 4 fratelli. A chiamare i soccorsi una donna che, nel salire sulla sua auto, ha notato le gambe del piccolo sporgere dal cassonetto. Il piccolo è stato trasportato in condizioni disperate all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ma è deceduto poco dopo l'arrivo. La famiglia del piccolo era seguita dai servizi sociali e versava in gravi difficoltà economiche, tant'è che lui e i suoi fratelli erano visti spesso in giro scalzi, raccontano i vicini. La vicenda ha fortemente scosso la piccola comunità, che si è stretta intorno ai familiari. "Tutto il paese si stringe intorno alla famiglia della famiglia colpita dall'improvvisa perdita del loro piccolo -afferma il sindaco Osvaldo Palazzini -. Un dolore che spezza il cuore a tutti". Sulla vicenda intanto indagano i carabinieri che hanno disposto il sequestro del cassonetto, sul quale verranno effettuati i rilievi dalla scientifica.


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti