N F T - Che diritti sono e a cosa servono



di Andrea Lo Foco e Ludovica Maria Polito per NFT Authentica

Ogni giorno miliardi di immagini, video, canzoni e altri media vengono condivisi sui social media. Quando questi file vengono pubblicati, una copia del supporto viene prelevata dal computer dell’utilizzatore e incollata sul server della piattaforma che lo distribuisce: Facebook, Twitter, YouTube, TikTok e simili. Questa può sembrare un’interazione leggera, ma durante il caricamento, gli utilizzatori/creatori copiano e incollano la proprietà del file sulla piattaforma stessa. Detto diversamente quando un file viene caricato, la sua proprietà viene condivisa con la piattaforma. Ciò comporta alcuni vantaggi per le piattaforme: possono offrire distribuzione o economie di scala che ottimizzano i ricavi basati sulla pubblicità. Ed è qui che sta il problema. Per troppo tempo le piattaforme hanno raccolto la maggior parte del valore derivante dal possesso dei contenuti dei creatori.

Nel mondo dello spettacolo, gli NFT, o token non fungibili, consentono agli utilizzatori/creatori di mantenere la proprietà dei loro contenuti, senza limitare la propagazione dei loro file su Internet. Gli NFT sono file che vivono sulla blockchain, che in italiano si traduce con catena di blocchi, ed è una tecnologia che consente di condividere una serie di risorse informatiche con lo scopo di offrire agli utenti un database virtuale pubblico. Ciò significa che i file non possono essere copiati e incollati, modificati, eliminati o altrimenti manipolati. Queste garanzie derivano dalle stesse proprietà tecniche che rendono preziose le criptovalute: come Bitcoin, gli NFT sono token digitali che possono essere acquistati, venduti, scambiati e la cui proprietà e provenienza sono sempre tracciate in modo immutabile dalla blockchain. Ciò che è tuo è tuo, in modo verificabile e senza la necessità per terze parti di intermediare tale proprietà.

La blockhain assicura l’immutabilità dei dati e delle informazioni anche nel lungo periodo. Detto diversamente la blockchain è una sorta di piattaforma che offre a tutti la possibilità di controllare in modo trasparente le informazioni che le sono affidate. Gli NFT sono un diritto di sfruttamento di una creazione di qualunque tipo, opera d’arte, opera cinematografica, fotografie… con il vantaggio che non esiste pirateria ed il mercato degli NFT è in grande sviluppo.

La CryptoArte non è altro che un movimento progressista basato sulla tecnologia blockchain che promuove la divulgazione di opere d’arte digitali convertite in NFT; con NFT si intende l’acronimo di “non-fungible token” ovvero un “gettone non fungibile” che viene conferito univocamente a un bene reale o digitale, costituendone l’atto di proprietà e il certificato di autenticità registrato su catena di blocchi.

Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della riproduzione dell’opera d’arte, sostenendo come “l’hic et nunc” dell’originale costituisce il concetto della sua autenticità”. La nuova frontiera artistica dei token non fungibili (NFT) consente una risoluzione a tale problematica rappresentando un oggetto unico, digitale o meno, che può essere associato in modo inequivocabile ad un soggetto o ad un wallet. Per la prima volta gli artisti delle immagini in movimento posseggono la propria firma d’artista, attraverso i codici NFT definiscono l’autenticità della propria opera.

I token non fungibili (NFT) stanno ridefinendo i concetti di unicità e di valore di un’opera, guidando una rinascita nel mondo dell’arte contemporanea grazie all’utilizzo di tecnologie decentralizzate, in grado di trascendere il monopolio dell’economia classica e delle imprese. Questa rivoluzione nella digitalizzazione della cultura, dei beni e della proprietà intellettuale condurrà al compimento di una rete di connessioni completamente immersiva, inclusiva e onnicomprensiva.

Come funzionano gli NFT?

In pratica, un NFT è semplicemente un token univoco che rappresenta un file digitale. Ognuno ha un identificatore canonico, un ID univoco. Collegati a quell’ID ci sono metadati arbitrari, come ad esempio chi lo ha creato, di cosa si tratta o la sua cronologia dei prezzi. Quando un NFT viene coniato da un creatore, queste informazioni vengono immutabilmente registrate sulla blockchain e diventano una sorta di passaporto digitale per il lavoro. Andando avanti, ogni volta che quel pezzo di media viene distribuito su un’altra piattaforma, quella piattaforma può “controllare il suo passaporto” e vedere la sua intera storia. Ciò significa che le istanze di un’idea possono puntare al record originale immutabile registrato sulla blockchain.

C’è valore nel possedere l’arte digitale?

Una critica comune è che, poiché l’arte digitale e gli oggetti da collezione digitali possono essere copiati, non hanno molto valore. Ma le NFT introducono una nuova possibilità che consente alla vera proprietà di esistere mentre un’opera continua a circolare liberamente online. Più un file viene condiviso e visto online, più valore culturale matura. Con l’aumento della notorietà, il concetto di possedere l’opera canonica diventa più emozionante e più un indicatore di status sociale. Può anche aumentare il valore che può essere derivato dalla rivendita dell’opera se la sua notorietà aumenta dopo l’acquisto. Gli NFT consentono ai collezionisti di raccogliere la maggior parte dei vantaggi di possedere un’opera d’arte fisica, con l’ulteriore vantaggio che la loro collezione può essere liberamente condivisa su Internet senza limitazioni, e quindi accumulare più valore con una distribuzione più ampia.

E non è solo arte. L’universo crescente di oggetti da collezione crittografici, risorse di gioco, moda digitale, skin e altro ancora offusca il confine tra arte e utilità programmata.

Lo scorso settembre Zero Contact di Enderby Entertainment (con Anthony Hopkins) è diventato il primo lungometraggio di Hollywood uscito come NFT. Lo studio ha lanciato il film e il relativo merchandising sulla propria piattaforma blockchain dedicata all’industria cinematografica, Vuele.io. Il fornitore della piattaforma, CurrencyWorks, ha affermato che una manciata di versioni NFT del film sono state vendute per un totale di $ 90.000. CurrencyWorks afferma di ricevere anche una royalty ogni volta che uno di questi NFT viene acquistato o venduto. Anche se un ritorno di quasi sei cifre non è certamente un brutto risultato, non è quasi nulla in confronto a ciò che hanno raccolto alcuni degli NFT più costosi del mondo dell’arte – o quali film di successo hanno incassato al botteghino, se è per questo. Anche il film più recente di Kevin Smith, Kilroy Was Here, è stato messo all’asta come NFT, ma con un problema. Smith aveva annunciato che il fortunato acquirente si sarebbe anche assicurato i diritti per esporre, distribuire e trasmettere in streaming il film (non si riesce a trovare alcuna parola sul prezzo di vendita effettivo, però).

Sebbene il rilascio di un lungometraggio come NFT sia ancora piuttosto raro, la vendita di NFT per aiutare a finanziare la produzione cinematografica è diventata più popolare sia tra i dirigenti affermati che cercano di sfidare i modelli tradizionali di raccolta fondi sia tra i registi indipendenti che hanno semplicemente bisogno di capitale.

The Forest Road Company ha recentemente istituito un fondo NFT da 20 milioni di dollari per aiutare i produttori indipendenti a monetizzare i loro contenuti, e cose simili stanno accadendo in altri settori dell’industria cinematografica:

- Niels Juul, produttore esecutivo di The Irishman e altri film di Hollywood, ha fondato gli NFT Studios con l’obiettivo di produrre “il primo lungometraggio destinato ad essere finanziato esclusivamente con il conio di token NFT”. Molti degli NFT sono dotati di vantaggi in stile investitore come premiere e accesso al set;

- Julie Pacino (la figlia di Al) ha raccolto quasi $ 80.000 per autofinanziare il suo film I Live Here Now, attualmente in pre-produzione, vendendo NFT delle sue fotografie;

- Le nuove piattaforme NFT rivolte all’industria cinematografica, come First Flights, consentono ai registi di raccogliere fondi per i loro film attraverso l’acquisto di singoli token crittografici (gli investitori vengono quindi ricompensati tramite NFT legati ai film e altri vantaggi).

Sebbene la tradizionale raccolta fondi per le uscite di film di grande valore sia ancora la norma, Juul afferma che la possibilità di finanziare le uscite in studio tramite NFT ha aiutato a “democratizzare” il cinema. Aggiunge che la raccolta fondi basata su NFT aiuta i registi a trovare “un pubblico coinvolto che sia anche i nostri investitori nel film allo stesso tempo”.

Il metodo più popolare per monetizzare le nuove uscite di film tramite NFT è quasi sicuramente attraverso la vendita di merchandising, di solito (ma non sempre) dopo l’uscita di un film, anche tramite la società NFT Authentica

Quentin Tarantino è entrato nel gioco del merchandising NFT l’anno scorso, con diverse scene non tagliate di Pulp Fiction messe all’asta (gli oggetti da collezione includevano anche le sceneggiature originali scritte a mano e il commento audio dello stesso pluripremiato regista su ogni scena – piuttosto interessante, se chiedi noi).

E mentre il primo degli NFT di Tarantino è stato venduto per un rispettabile prezzo di 1,1 milioni di dollari, la causa risultante dallo studio cinematografico Miramax (per presunte violazioni della proprietà intellettuale e tentativo di fermare la vendita) potrebbe essere un presagio di spinose questioni legali tra creativi e studi attorno agli NFT.

Matrix si è esteso anche alla blockchain, con lo studio Warner Bros. che ha rilasciato una serie di NFT ispirati ai film in previsione dell’uscita di Matrix: Resurrections lo scorso anno. Altri film importanti, tra cui Dune, hanno fatto lo stesso. Anche gli studi di Bollywood sono entrati in azione, con i creatori di 83 di Ranveer Singh che hanno lanciato una serie di oggetti da collezione digitali alla fine dell’anno scorso.

Alcuni osservatori del settore ipotizzano anche che i contenuti NFT “sbloccabili”, simili ai contenuti bonus sui DVD, potrebbero guidare la fase successiva del merchandising NFT rendendo gli NFT “risorse dinamiche con premi misteriosi”.

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti