Noemi ed Elena, strade diverse, stesso destino: omicidio stradale?
  • AF

Noemi ed Elena, strade diverse, stesso destino: omicidio stradale?


Mentre il cordoglio per Noemi Carrozza, morta il 15 giugno, è ancora caldo e denso d’emozione, non tardano a giungere le reazioni attorno ad un argomento caldo e spinoso per quanto riguarda Roma Capitale. La morte a cavallo della propria moto da parte di Noemi è solo l’ultima di una lunghissima serie di tragedie che insanguinano le strade di Roma, sempre più nell’occhio del ciclone per la questione “buche”. L’apertura del fascicolo per omicidio stradale nei confronti del comune di Roma fa il paio con le taglienti e significative dichiarazioni di Graziella Viviano, madre di Elena Aubry, che ha conosciuto la stessa sorte di Noemi il 6 maggio.


L’incidente, allora all’altezza del Cineland di Ostia, ha spinto la madre della vittima a dar vita, in data 16 giugno, ad un progetto per la sicurezza stradale in nome della figlia. La Viviano ha pubblicato questo post subito dopo aver appreso la notizia della morte di Noemi Carrozza.

Curioso il caso della Cristoforo Colombo, strada dove Noemi Carrozza ha conosciuto la morte, dove per mancanza di fondi a copertura dei necessari lavori, si costringe la cittadinanza a circolare perlopiù a 30 km/h.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002