Pascal Vicedomini manca al suo festival a LA: perché negli USA lo cercano i tribunali per Weinstein


Oggi la versione statunitense di Variety ha dato una notizia che, per motivi immaginabili a voler pensare male, la stampa italiana non sta dando ma che invece avremmo tutto l'interesse a poter conoscere, visto che riguarda un pezzo grosso del nostro mondo del cinema e dello spettacolo a livello internazionale, Pascal Vicedomini, famoso conduttore televisivo, autore di programmi per Rai e Mediaset ed organizzatore di tre festival di primo piano, cioè l'Ischia Global Film & Music Fest, il Capri, Hollywood e il Los Angeles Italia – Film Fashion and Art Fest. Festival, quest'ultimo, che si sta svolgendo proprio in questi giorni, come sempre annualmente dal 2006. La novità è però che quest'anno, per la prima volta, Vicedomini non è presente di persona, limitandosi a trasmettere dall'Italia su Youtube davanti ad un green screen con un'immagine del Chinese Theatre e la scritta, non veritiera, "Live from Hollywood". Il motivo ufficiale è che Vicedomini è impegnato nel nostro paese dalla conduzione del suo nuovo programma "Paradise – La finestra sullo showbiz" su Rai2, ma secondo Variety la ragione è un'altra, molto più pesante: Vicedomini non può entrare negli USA perché è stato chiamato a testimoniare obbligatoriamente questa settimana sul caso Weinstein, e si è rifiutato di andare a farlo, con le comprensibili conseguenze. Ma quale è il motivo? Sempre come ricostruisce Variety, Weinstein era un ospite regolare in tutti i festival di Vicedomini ed i due erano amici stretti. Nel 2013 Weinstein era andato a LA al festival di Vicedomini, e proprio in quel contesto è accusato di aver stuprato un'attrice italiana, durante la prima serata dell'evento – lo stesso che si sta svolgendo attualmente senza il suo patrono. L'attrice ha dichiarato agli investigatori che era stato proprio Vicedomini ad introdurla a Weinstein, e che addirittura dopo lo stupro Weinstein lasciò la sua giacca nella stanza d'albergo dove si svolse il reato, e l'attrice contattò proprio Vicedomini, dando a lui la giacca di Weinstein: cosa che Vicedomini ha dichiarato agli investigatori di non ricordare. A questo punto ovviamente la giustizia americana ha chiesto a Vicedomini di presentarsi in tribunale a testimoniare quando sarebbe stato negli USA per il LA Festival, ma guarda caso il conduttore italiano per la prima volta non è andato, ed ha fatto sapere tramite i suoi avvocati che non sarebbe venuto per questa occasione. Quando la Corte ha sollecitato la sua presenza in un'altra data successiva, secondo Variety Vicedomini è sparito, senza far sapere se e quando mai sarebbe venuto a testimoniare. Chiaramente a questo punto al conduttore italiano si pone una scelta: o abbandonare la frequentazione lavorativa degli USA per nel migliore dei casi lungo tempo o andare a testimoniare contro il suo amico caduto in disgrazia. A noi in Italia viene invece da chiederci come mai nella caccia alle streghe che ci fu con il mee too, a nessuno sia venuto in mente di citare Vicedomini, ed anche oggi la notizia di Variety non stia girando da noi.

Di Umberto Baccolo

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti