• AF

Portogallo-Spagna 3-3, tripletta di Ronaldo Francia-Australia 2-1, esordio della Var

È finita 3 a 3 fra Portogallo e Spagna, dopo una partita ricchissima di colpi di scena e un botta e risposta finito solo all’88esimo minuto con il gol del pareggio di Cristiano Ronaldo. L’attaccante del Real Madrid esordisce così al Mondiale, con una tripletta, tanto per ricordare con chi avranno a che fare i prossimi contendenti.


Allo Stadio Olimpico di Sochi il Portogallo è andato in vantaggio già nei primi minuti con un rigore segnato da CR7 su fallo di Nacho. Ma la Roja ha reagito, nonostante il ribaltone della panchina iberica a 24 ore dall'avvio dei Mondiali e si è portata in pareggio con un gol di Diego Costa. Galvanizzata dal rientro in gara, sfiora il bis con Isco che colpisce la traversa. Al 44esimo, però, è sempre Ronaldo a riportare in vantaggio i suoi con un tiro dal limite dell’area sfuggito clamorosamente dalle mani del portiere spagnolo David de Gea. Un tallonamento continuo, quello fra le due rivali, che presagiva alla sfida ad altissima tensione anche per il secondo tempo.


Sono infatti bastati 3 minuti dalla ripresa, infatti, per riportare la Spagna in parità con la doppietta di Diego Costa. E subito dopo è Nacho a mettere sotto pressione i portoghesi, con un gol dalla distanza che permette alla Spagna di vedere la vittoria. Ma a due minuti dalla fine, Cristiano Ronaldo firma la sua terza magia: il gol del pareggio, uno di quei tiri che soltanto i campioni sanno fare nei momenti di difficoltà, e che portano l’attaccante del Real a quota 88 gol con la maglia della Nazionale.


Dopo il “silent-check” (il controllo silente con cui l’arbitro in campo decide a sua discrezione se fidarsi della valutazione dei collaboratori o controllare in prima persona sul monitor a bordocampo) con cui ieri sera l’arbitro Rocchi aveva fermato il gioco, dopo il gol dell'1-1 dello spagnolo Diego Costa contro il Portogallo, oggi la Var è entrata nella storia dei Mondiali di calcio. Al 12' del secondo tempo di Francia-Australia, finita 2 a 1, l'arbitro uruguayano Cunha ha infatti richiesto la videoassistenza per valutare un fallo in area di Risdon su Griezmann. Il direttore di gara ha poi concesso la massima punizione trasformata da Griezmann.



Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002