Ricciardi (M5s) attacca la sanità lombarda: "21 milioni per curare 25 pazienti": è caos in aula

"Signor presidente, lei ha sbagliato tutto fin dall’inizio. Doveva tenere aperto tutto. Perché si è rivolto agli scienziati? Perché mettere al primo posto la salute di tutti? Perché con 800 morti ha utilizzato il dpcm, che consente di intervenire immediatamente?". Così Riccardo Ricciardi, deputato del M5S, è intervenuto in Aula alla Camera subito dopo il discorso del premier Giuseppe Conte. Conte "è stato chiamato dittatore. La Lega ha parlato di resistenza antifascista", ha continuato Ricciardi attaccando la Lega sul cosiddetto 'modello Lombardia' del governatore leghista Attilio Fontana. Ricciardi infatti cita "la puntualità dell’assessore lombardo Gallera, che ha fatto l’ospedale in Fiera con 21 milioni per 25 pazienti: ecco come sono stati spesi i soldi dei cittadini". Il pentastellato poi ha tirato in ballo il caso della sanità lombarda, citando Formigoni e la privatizzazione della sanità, oltre a quanto avvenuto nelle Rsa lombarde durante l'emergenza Covid-19. Le sue parole hanno suscitato le proteste dei deputati leghisti, tanto che il presidente Roberto Fico ha dovuto sospendere la seduta.

"Questo ominicchio si sciacqui la bocca prima di parlare della sanità lombarda e dei cittadini lombardi", ha commentato Matteo Salvini in merito alle accuse, aggiungendo che le parole del grillino sono state "un insulto ai lombardi e rispondo con le parole del primario di pneumologia di Modena, professore De Donno, che ha detto lasciateci lavorare, lasciateci in pace. Ci è esplosa una bomba in casa, il sistema lombardo ha fatto tutto il possibile". "Lei è perfettamente consapevole di quanto siano sbagliate le parole pronunciate in quest'Aula" ha detto invece Giorgia Meloni rivolgendosi al premier Conte, "ma sono convinta che non si alzerà per prendere le distanze, perchè il M5s è il suo partito di maggioranza relativa e credo anche che quelle parole siano state concordate, è la strategia messa in atto dall'avvio dell'emergenza, da lei, da Di Maio arrivano parole alte e poi il partito M5s serve per provocare e insultare, per impedire un dialogo costruttivo. E' una strategia, lei può smentirmi invece di fare gesti. Prenda la parola e prenda le distanze dalle parole di Ricciardi, ma sono convinta che ciò non avverrà". "Al contrario di quanto strumentalmente dichiarato", ha replicato il premier ai cronisti, "chiaramente non e' che un parlamentare condivide anticipatamente con il presidente del Consiglio il suo intervento. Sono opinioni espresse da lui - chiarisce - non mi e' stato anticipato".

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002