Salvini è inarrestabile La Lega conquista il 30 per cento
  • AF

Salvini è inarrestabile La Lega conquista il 30 per cento




Che la Lega sia in una fase di incremento esponenziale dei consensi è assodato. Il riscontro più concreto di ciò è arrivato direttamente dalle urne il 4 marzo e, successivamente, con le elezioni amministrative.


Quello che appare impressionante è che Salvini e il suo partito sembrano davvero inarrestabili. I sondaggi parlano chiaro e i principali istituti di rilevazione statistica sono ormai da giorni tutti concordi nel confermare un ulteriore e imponente balzo in avanti. Oggi la Lega è data attorno al 30% con un trend di crescita senza precedenti, circa 13 punti in tre mesi e mezzo. Ciò che sembra poi oltremodo significativo è invece la flessione registrata in casa di tutte le altre forze politiche. Con la sola eccezione del Pd che si conferma stabile attorno al 18,5 tutti gli altri, dal Movimento 5 Stelle a Liberi e uguali, passando per Forza Italia, hanno ceduto il passo. I grillini hanno perso quattro punti, il partito di Berlusconi cinque, uno e mezzo LeU e tutti in favore della Lega, tanto a nord quanto a sud, sebbene con percentuali differenti. L’alleanza di governo con i 5 Stelle, nonostante la corsa con la coalizione di centrodestra alle elezioni, non ha affatto ridimensionato la fiducia nel partito di via Bellerio. Viceversa, la presenza decisamente ingombrante nell’esecutivo e la popolarità di Salvini si pongono come una forza propulsiva capace di consolidare una forte fiducia che si traduce in consenso, al punto da attirare addirittura parte dell’elettorato dei 5 Stelle.


Il partito di Di Maio sta infatti vivendo una fase di rivolta della propria base che vede il Movimento completamente offuscato dalla Lega di cui si sente ostaggio. Non potrebbe essere diversamente dal momento che l’azione trainante di Salvini si staglia in un contesto di assoluta debolezza politica del presidente del Consiglio Conte e di una scarsa capacità dei grillini di imporre concretamente nell’agenda di governo i temi presenti nel programma elettorale. Lo stesso contratto di governo giace ormai all’ombra delle problematiche messe quotidianamente sul tavolo dal vicepremier leghista a cui i sondaggisti attribuiscono l’enorme merito di un linguaggio diretto nell’affrontare tematiche concrete e sentite. Contro Salvini si sono fino a oggi registrate esclusivamente le levate di scudi di una famiglia notoriamente malavitosa come quella dei Casamonica, di Roberto Saviano che sembra essere stato eletto a nuovo guru del centrosinistra e di parte di quell’enclave europea avvertita in Italia come arroccata in se stessa senza alcuna visione e prospettiva di crescita comune. L’attuale panorama politico italiano si affaccia oggi su un’immensa prateria aperta alla conquista da parte del leader leghista.


Giuseppe Ariola

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002