Spari a Toronto: un morto e quattordici feriti, non è da escludere un atto terroristico
  • AF

Spari a Toronto: un morto e quattordici feriti, non è da escludere un atto terroristico


Due di notte italiane. A Toronto arriva una chiamata alla polizia che preannuncia un terribile episodio di cronaca. Nel quartiere di Greektown quattordici persone sono state colpite, in strada, da proiettili vaganti. I soccorsi sono stati immediati, come anche l’intervento della polizia. Nel conflitto a fuoco con le forze dell’ordine è morto l’attentatore e una donna. Tra i feriti è da registrare una ragazzina di 9 anni, le cui condizioni sono da ritenersi gravi. Ancora non è da escludere la matrice terroristica, come reso noto dal portavoce della polizia, Mark Pugash. Gli investigatori sono al lavoro. «Ero al ristorante con la mia famiglia, quando ho avvertito quelli che mi sono sembrati fuochi d'artificio. Poi ho visto la gente che urlava e scappava», ha raccontato una testimone oculare. Nell’era dei social, nulla sfugge al grande occhio comune della tecnologia, neanche la brutalità. L'uomo che ha aperto il fuoco, infatti, è stato ripreso in un video amatoriale mentre spara contro le persone. Nel video, poi postato sui principali social network, si intravede chiaramente un uomo vestito di nero che estrae la pistola ed esplode alcuni colpi. Il Canada non raggiunge gli Stati Uniti in quanto a episodi di violenza armata. Eppure, solo quest’anno, a Toronto, si sono registrate più di 200 sparatorie.


E.R.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002