Troppo razzista, HBO toglie "Via col vento" dal palinsesto

Troppo razzista, HBO toglie "Via col vento" dal palinsesto


Dopo le proteste per la sua raffigurazione dello schiavismo, "Via col vento", classica epopea cinematografica sulla guerra civile Usa, è stato rimosso dal catalogo dei film di HBO Max, il servizio di streaming aperto negli Usa dal colosso della tv on demand per fare concorrenza a Netflix e Disney+. La decisione è stata presa dopo un editoriale sul Los Angeles Times di John Ridley, premio Oscar per la sceneggiatura di "12 anni schiavo", nel quale descrive il film del 1939 come"una pellicola che, quando non ignora gli orrori della schiavitù, si ferma solo per perpetuare gli stereotipi più dolorosi sulle persone di colore". "In un momento in cui ci chiediamo tutti cosa altro fare per combattere l'intolleranza, chiederei ai fornitori di contenuti di guardare ai loro cataloghi e di separare la programmazione carente nella sua rappresentazione da quella che è palese nella sua demonizzazione" ha scritto Ridley. Hbo ha risposto con un comunicato nel quale afferma: "queste raffigurazioni razziste erano sbagliate allora e sono sbagliate oggi, e abbiamo pensato che tenere in catalogo questo titolo senza spiegazioni e senza una condanna sarebbe irresponsabile".

Il film tornerà sulla piattaforma streaming con una "discussione sul contesto storico e una condanna di quelle raffigurazioni" ma non sarà censurato. Via col Vento vinse otto Oscar nel 1939, ma molti intellettuali afroamericani già all'epoca ne condannarono la raffigurazione degli schiavi come passivi e obbedienti e l'immagine sentimentale del sud degli Stati Uniti prima della guerra civile. Hattie McDaniel divenne la prima persona afroamericana a vincere un Oscar, come attrice non protagonista per la sua interpretazione della schiava Mammy, ma non potè sedersi con il resto del cast alla cena di gala perchè l'Ambassador Hotel di Los Angeles dove si tenne praticava la segregazione razziale e lo fece fino al 1959.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002