USA, introdotta proposta di legge per combattere la carenza di forza lavoro nella cyber-security

USA, introdotta proposta di legge per combattere la carenza di forza lavoro nella cyber-security


E’ stato introdotto dai parlamentare statunitensi il Cyber Ready Workforce Act (H.R.6791), un disegno di legge bipartisan presentato alla Camera dei rappresentati con lo scopo di arginare la crisi in merito alla carenza di forza lavoro nell’ambito della sicurezza informatica. Questo istituirebbe un programma di sussidi all’interno del Dipartimento del lavoro e il Segretario del lavoro sarà in grado di assegnare sovvenzioni agli intermediari della forza lavoro per sostenere la creazione l’implementazione e l’espansione dei programmi di apprendistato in materia di sicurezza informatica. Tali programmi possono includere consulenza professionale, tutoraggio e assistenza per i costi di trasporto, alloggio e assistenza all’infanzia. Questo disegno di legge è pensato per far fronte a un crescente problema nell’ambito della forza lavoro statunitense che affligge soprattutto le aziende di tutti i settori, le quali stanno affrontando una vera e propria sfida nell’assegnare personale qualificato ai lavori di cybersecurity.

Secondo un rapporto CompTIA basato su dati raccolti da CyberSeek tra aprile 2017 e marzo 2018 ci sono state 301.873 aperture lavorative collegate alla sicurezza informatica nei settori pubblico e privato.

Il disegno di legge si basa sullo stato del programma di apprendistato per la sicurezza informatica recentemente introdotto in Nevada. Il disegno è stato inoltre co-sponsorizzato dal membro del Congresso Seth Moulton, dal membro del Congresso Elise Stefanik e dal membro del Congresso Dan Donovan. Inoltre ha ricevuto l’appoggio e il sostegno di diverse organizzazioni commerciali e della forza del lavoro come CompTIA e The Learning Center.

Il problema della mancanza di personale in questo settore della sicurezza digitale è un problema da non sottovalutare, infatti proprio Donovan ha affermato che le «minacce alla sicurezza informatica continueranno a presentare sfide di sicurezza nazionale per l'America nel 21 ° secolo. Con queste minacce e il cambiamento del panorama economico e tecnologico, l'America ha bisogno di una forza lavoro in grado di far avanzare adeguatamente le nostre priorità di difesa della sicurezza informatica». Sull’argomento si è pronunciato anche il democratico Moulton: « Investire e ampliare la nostra forza lavoro per la sicurezza informatica non solo alimenta la nostra economia, ma ci mantiene al sicuro. Mentre stavo combattendo a terra in Iraq, Al-Qaeda ci stava combattendo su internet, e ci stavano picchiando online! E mentre ci siamo concentrati sui militari russi nel 2016, ci hanno attaccato attraverso internet. importante primo passo verso la garanzia di non rientrare in una posizione così vulnerabile ».


Niccolò Lumini

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002