Vincenzo Zoccano (Vox Italia): "Occorre dare certezze puntando ad obbiettivi stabili"

Vincenzo Zoccano (Vox Italia): "Occorre dare certezze puntando ad obbiettivi stabili"


Da anni le associazioni di categoria delle persone con disabilita’, chiedono con forza l’aumento delle pensioni d’invalidita’. Già nel Governo Conte1 in qualità di sottosegretario di stato a famiglia e disabilità, ebbi modo di proporre un articolato piano graduale per il raddoppio dell’importo delle pensioni d’invalidità, per altro gia’ elaborato con i tecnici dell’INPS. Con mia grande delusione, una volta presentato ai vertici del M5S, mi e’ stato chiaramente fatto capire che non era una priorità e non c’era alcuna volontà politica di procedere in tal senso; questo accadeva pochi giorni prima della caduta del governo Giallo-verde. Successivamente ad onor del vero, anche per questi motivi ho deciso di allontanarmi dal M5S.

Oggi in piena emergenza Coronavirus, vista la straordinarietà della situazione, sono indispensabili i sostegni di natura economica per le persone con disabilità e caregiver familiari che si sentono abbandonati e non rappresentati dalle task force di persone che non rappresentano il mondo della disabilita’. Le associazioni chiedono il confronto e si lamentano che non c’e’ nessun interlocutore in questo governo “pasticcione”.

Come sottolineato anche dal presidente AMNIC ( Associazione Nazionale Mutilati ed invalidi Civili ) nascono Task force e comitati tecnici scientifici, ma alla fine nessuno conclude nulla per i disabili. Ricordiamo che mentre nelle stanze del potere si discute, nelle famiglie italiane si sta soffrendo e la situazione non è più sostenibile.

Questo DPCM, ennesimo atto amministrativo senza forza di Legge, non contiene misure a sostegno delle famiglie nonostante i proclami del Presidente del Consiglio.

Non dimentichiamo la grave mancata applicazione dell’articolo 26 del decreto ‘Cura Italia’,(che avrebbe permesso ai lavoratori con disabilità grave di astenersi dal lavoro fino a fine aprile) generando , come dichiarato anche dalla Fish (Federazione Italiana Superamento Handicap), aspettative totalmente disattese e umilianti per i lavoratori con disabilità.

Occorre dare certezze puntando ad obbiettivi stabili, io come esponente nazionale di Vox Italia, che ha voluto le politiche sulla disabilità al centro del proprio programma politico, denuncio la totale mancanza di competenze , visione e volontà politica, rispetto ai diritti delle persone con disabilità chiaramente sanciti dalla nostra carta Costituzionale.

Ho la certezza che questo governo non farà nulla di concreto per migliorare la qualità di vita delle 7,5 milioni di persone con disabilità che soffrono soprattutto in questo momento di emergenza che tutti noi stiamo vivendo.

Auspicabile almeno l’ampliamento dei periodi di congedo straordinario o la richiesta di priorità della salute e sicurezza dei lavoratori con disabilità.

Attualmente le problematiche non vengono condivise, si aggiungono strutture inutili con impiego di risorse pubbliche ma questo non fa altro che generare ulteriori complicazioni, lungaggini e inconcludenze.

Anche ANMIC esprime tutta la sua preoccupazione per la disattenzione verso il mondo della disabilità: “In un momento particolarmente drammatico per tanti cittadini ed in particolar modo per le persone con disabilità e le loro famiglie, pensavamo che il Governo potesse avere un’attenzione particolare ed inclusiva rispetto a questa fascia di cittadini. Dobbiamo invece lamentare che il Governo sistematicamente lascia abbandonate le persone più fragili e in difficoltà in questo momento”

E’ inammissibile che ancora una volta, senza alcun coinvolgimento delle Associazioni più rappresentative delle persone con disabilità, in violazione della convenzione ONU sui diritti delle persone con disabiltà, è stata istituita l’ennesima task force per la Scuola, presso il Ministero dell’Istruzione, ma la task force di persone che non appartengono e non capiscono il mondo della disabilita’ non fanno altro che incrementare delusione e sfiducia tra le persone di questa categoria e le loro famiglie. Forse il governo dimentica che presso il Ministero dell’Istruzione esiste da tempo l’Osservatorio per l’inclusione scolastica di cui fanno parte anche le associazioni : sarebbe sicuramente stato più corretto la convocazione di tale organismo.

Ricordo che mentre i comitati tecnici discutono, nelle famiglie italiane si sta soffrendo e la situazione non è più sostenibile.

Ultima “ciliegina sulla torta” riguarda la vergognosa votazione contraria in Parlamento (il grande escluso degli ultimi tempi) contro la proposta di aiuto ai genitori di bambini/persone con disabilità (caregiver familiari, no badanti) con un contributo di 600 euro previsto per l’emergenza Covid19 , dovendo forzatamente rimanere a casa rinunciando a lavorare.(a causa della chiusura anche dei centri diurni e l’assenza di personale a domicilio).

Veramente una situazione “imbarazzante” , certi temi dovrebbero essere trasversali ma evidentemente chi non prova, non sa : 221 voti contro: PD , M5s e IV ; tutte le altre forze politiche hanno invece votato a favore.

In conclusione, non credo di esagerare se affermo che ci troviamo di fronte a qualcosa di molto simile ad un colpo di stato in quanto, un governo che non si confronta costantemente con le rappresentanze sociali e decreta senza l’avvallo dell’organo sovrano riconosciuto dalla Costituzione, cioè il Parlamento, ricorda caratteristiche che la nostra stessa carta costituzionale nonchè la nostra cultura bandiscono.

Iscrizione n° 144/2017       del 28/09/2017 del Registro della Stampa;        Tribunale di Roma

Direttore Responsabile:      Monica Macchioni

Editore: Ultra! S.r.l.-Via E. Gianturco 5-Roma

                         P.I.: 13394291002