Bonus anziani e disabili fino ad un massimo di 50.000 euro: come accedere alla misura più incisiva in assoluto

In un contesto economico così fragile, il Governo ha pensato ad un bonus anziani e disabili: ecco tutte le informazioni utili per ottenerlo.

Non viviamo in un periodo storico facile, soprattutto dal punto di vista economico. Le guerre e le crisi internazionali hanno pesanti conseguenze sul prezzo dei beni di prima necessità, così come i cambiamenti climatici che generano tempeste che danneggiano i raccolti annuali per migliaia di euro. In un panorama di questo tipo, il governo ha pensato ad un sostegno economico per le categorie più fragili, quindi anziani e disabili: ecco in cosa consiste.

Chiunque abbia in famiglia un anziano o un parente disabile sa quante sono le spese che si devono affrontare quotidianamente per le sue cure e per il suo benessere. Queste categorie di persone, però, molto spesso non possono del tutto lavorare o non possono farlo in modo da percepire uno stipendio sufficiente alla proprie necessità, quindi hanno bisogno di un sostegno ulteriore. Ecco cos’ha pensato il governo: la somma è ricchissima.

Bonus Barriere 75: in cosa consiste e come si applica

Il bonus di cui vi parliamo oggi è il Bonus Barriere 75%, che consiste in un sostegno economico finalizzato all’abbattimento delle barriere architettoniche su tutti gli immobili. A normarlo è la circolare 17 del 26 giugno 2023, nella quale si ribadisce che l’agevolazione riguarda gli interventi finalizzati al superamento o all’abbattimento di barriere in edifici che già esistono: non è applicabile, quindi, per quelli ancora da costruire o in fase di costruzione.

Bonus anziani e disabili, in cosa consiste
Bonus anziani e disabili, in cosa consiste e come ottenerlo: tutte le informazioni (spraynews.it)

I lavori si possono eseguire sia nelle singole unità immobiliari che sulle parti comuni dei condomini o degli edifici e sono una molteplicità, dal rifacimento di scale e ascensori all’inserimento di rampe interne e esterne, passando dalla sostituzione di infissi, porte e pavimenti fino all’adeguamento o al rinnovamento di impianti come quelli elettrici, citofonici o igienici. Il bonus barriere architettoniche può essere applicato a qualsiasi edificio, anche di natura produttiva o commerciale  e non ci sono limiti alla tipologia di intervento.

In caso di vendita dell’immobile o di decesso di chi ha richiesto il bonus, però, questa detrazione non può essere trasferita agli eredi o ai nuovi proprietari nel caso in cui non sia stata utilizzata, in tutto o in parte.

Impostazioni privacy