Regalo di Natale in busta paga, fino a 15.000 euro per questi lavoratori: chi sono e perché avranno tutti questi soldi

Per alcuni lavoratori è in arrivo un vero e proprio regalo di Natale fino a 15.000 euro. Ecco chi sono e perché hanno diritto ad una somma così elevata.

Il mese prossimo, dicembre, porta con sé una gran bella notizia che riguarda alcuni lavoratori. Questi, infatti, hanno diritto ad un aumento in busta paga fino a 15.000 euro. Si tratta dunque di un vero e proprio regalo di Natale di cui è bene sapere tutti i dettagli.

Aumento in busta paga fino a 15.000 euro
E’ in arrivo un regalo di Natale sulle buste paga – Spraynews.it

In molti, infatti, si chiedono quali sono i requisiti per aver accesso alla misura e godere di una somma di denaro che, senza dubbio, fa gola a molti. Tante famiglie, si ritrovano a dover fare i conti con aumenti relativi alle materie energetiche come anche quelle alimentari. Ecco quali lavoratori si vedranno erogare una busta paga ricchissima.

Busta paga lavoratori, previsto aumento fino a 15.000 euro

Come accennato sopra, la busta paga di alcuni lavoratori potrà raggiungere cifre molto importanti, fino a 15mila euro in più. Ciò avverrà nel mese di dicembre e, per questo, può essere utile approfondire nel dettaglio di quale bonus si tratta e soprattutto chi sono gli aventi diritto.

Aumento in busta paga fino a 15.000 euro
A dicembre, molti lavoratori avranno 15.000 euro in più sugli stipendi – Spraynews.it

Tanto per cominciare, bisogna precisare che l’aumento riguarderà alcuni dirigenti pubblici che in seguito al rinnovo contrattuale, potranno beneficiare di una somma che va dai 12mila ai 15mila euro in più. Si tratta di un vero e proprio regalo di Natale che interesserà nello specifico i dirigenti pubblici degli Enti Nazionali, dei Ministeri e delle Agenzie Fiscali. Sono stati rinnovati i contratti dei dirigenti pubblici e gli effetti cominciano a farsi sentire già da dicembre.

A tal proposito, però, è importante sottolineare che gli aumenti in esame sono da considerarsi solamente in riferimento a questa categoria di lavoratori. Continuano invece a rimanere escluse altre aree contrattuali come, ad esempio:

  • i dirigenti scolastici;
  • i dirigenti medici e sanitari;
  • i dirigenti operanti nel comparto delle funzioni locali.

Queste categorie di lavoratori, infatti, restano in attesa del rinnovo dei contratti collettivi nazionali e dunque di definizione degli stipendi in base alla fascia di appartenenza. Tornando all’aumento in esame, va detto che a beneficiarne saranno 6.200 lavoratori ai quali spetterà il riconoscimento degli arretrati, per un ammontare di massimo 15 mila euro.

Alla luce di ciò, si potrebbe parlare di un vero e proprio premio all’eccellenza che può arrivare a raggiunge vette davvero molto alte. Ciò dipende da una serie di fattori, tra cui le responsabilità amministrative del dirigente.

Impostazioni privacy