Scaldabagno, consuma di più se resta sempre acceso?

Lo scaldabagno consuma di più se lo lasciamo sempre acceso durante la giornata? Scopriamo come impatta in bolletta e tutti gli altri dettagli su questo strumento che risulta importante soprattutto nei mesi invernali. 

Lo scaldabagno può risultare un alleato importante soprattutto nei mesi invernali, quando il freddo intenso richiede un ambiente riscaldato. Ma come per tutti gli strumenti che si utilizzano a consumo, bisogna fare attenzione se non si vogliono poi ricevere brutte notizie, o vere e proprie stangate, con l’arrivo della bolletta.

Molte persone, in alcune circostanze, credono di fare scelte migliori, ma alla fine si trovano in una situazione peggiore, determinando una spesa maggiore anziché una riduzione, come erroneamente pensavano. Le strategie e i suggerimenti possono essere utili, ma è essenziale anche effettuare un confronto, altrimenti si corre il rischio di causare danni ancor più gravi.

Scaldabagno ad alto consumo sempre attivo: come intervenire

Consumo scaldabagno
Scaldabagno (Spraynews.it)

Lo scaldabagno è ancora presente in molte abitazioni ed è indiscutibile che sia un apparecchio con un notevole consumo energetico. Per affrontare questa situazione, è necessario identificare comportamenti scorretti che contribuiscono ulteriormente a questo consumo elevato. Va spento? Dovrebbe restare acceso costantemente? È necessario regolare la temperatura?

Queste sono domande comuni rivolte agli esperti per trovare una soluzione plausibile per ridurre le spese. In generale, lo scaldabagno consuma di più quando è acceso, poiché l’energia è direttamente correlata alla temperatura interna, indispensabile per mantenere costantemente calda l’acqua e comporta quindi un consumo continuo.

Non è un sistema che si spegne automaticamente raggiunta la temperatura desiderata, altrimenti l’acqua perderebbe gradualmente il suo calore. Un sistema tradizionale da 1000 watt, utilizzato per almeno 6 ore al giorno, comporta un consumo annuo di 2000 kWh. In una bolletta elettrica, uno scaldabagno sempre acceso rappresenta il 70% del totale, con un rendimento minimo del 10%. L’energia consumata da uno scaldabagno è otto volte superiore a quella di un frigorifero.

Le scelte migliori per risparmiare in bolletta

Pertanto, è essenziale intervenire per limitare i costi in bolletta. Il primo passo riguarda la regolazione della temperatura, adattandola alle variazioni stagionali. Non ha senso impostare la massima potenza costantemente, poiché non è necessario avere costantemente acqua bollente. Una temperatura più bassa è accettabile per la maggior parte della giornata, tranne nei momenti in cui solitamente vengono effettuate le docce.

L’installazione di riduttori di flusso può contribuire a risparmiare fino al 40%, un risparmio non trascurabile. Inoltre, è possibile installare un interruttore temporizzato, in modo che lo scaldabagno venga spento e acceso in base alle ore di effettivo utilizzo. La scelta della dimensione giusta è altrettanto importante; uno scaldabagno troppo piccolo non è efficace nel risparmio energetico, poiché dovrà sforzarsi ulteriormente per fornire l’acqua necessaria.

Impostazioni privacy