Visitare una mostra non è mai stato così imbarazzante: a quella di Abramović si passa tra modelli nudi

Una mostra di Marina Abramović ha suscitato molto clamore e reazioni decisamente contrastanti. È la mostra più imbarazzante di sempre?

Le installazioni insolite fanno parte dello stile e sono parte fondante della carriera dell’artista serba Marina Abramović. La mostra che questi giorni è installata alla Royal Academy of Arts di Londra, però, sembra davvero superarle tutte ed è stata definita da qualcuno come “la mostra più imbarazzante di sempre”. Vediamo di cosa si tratta.

Una mostra in cui si passeggia tra artisti nudi: l’ultima trova di Marina Abramović che sta suscitando scalpore

La celebre artista della performance, Marina Abramović, è ora protagonista di una mostra alla Royal Academy of Arts di Londra, che si svolgerà dal 23 settembre 2023 al 1° gennaio 2024. Questa rassegna offre un’opportunità unica di esplorare alcuni dei momenti chiave della sua carriera artistica.

Marina Abramović è rinomata in tutto il mondo per il suo contributo all’arte performativa. Nel corso degli anni, ha costantemente sfidato i limiti del suo corpo e della sua mente, affrontando esaurimento, dolore e persino il rischio di morte nel suo lavoro. Un esempio noto è il suo primo lavoro, “Rhythm 0”, in cui invitava il pubblico a interagire liberamente con lei, arrivando al punto in cui una pistola carica veniva puntata alla sua testa. In un’altra opera, “The House with the Ocean View”, ha vissuto in una casa all’interno di una galleria d’arte per 12 giorni, offrendo al pubblico la possibilità di condividere il semplice atto di vivere. Queste opere e molte altre fanno parte del ricco repertorio artistico di Abramović.

Mostra di Marina Abramovic tra artisti nudi
Foto | DAVID PERRY/ROYAL ACADEMY OF ARTS – Spraynews.it

La mostra presso la Royal Academy of Arts di Londra offre una panoramica dei momenti più significativi della carriera di Marina Abramović, utilizzando diverse forme d’arte tra cui la scultura, il video, l’installazione e, naturalmente, la performance. Alcune opere, come “The Artist is Present”, verranno riprodotte attraverso filmati d’archivio, mentre altre saranno reinterpretate da una nuova generazione di artisti performanti che sono stati influenzati dal metodo di Abramović.

L’arte della performance dal vivo può essere sia sorprendente che intima, e per Marina Abramović ha il potere di trasformare sia gli artisti che il pubblico. Gli spettatori avranno l’opportunità di vivere in prima persona alcune delle sue performance più iconiche, tra cui “Imponderabilia”, “Nude with Skeleton“, “Luminosity” e “The House with the Ocean View”. La mostra offre quindi un’occasione straordinaria per immergersi nell’arte e nell’eredità di questa artista visionaria.

È stato inserito un ingresso separato per coloro che si sentono a disagio a infilarsi tra gli artisti nudi.

Per il resto la mostra ha ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica: il Guardian l’ha definita “vitale” ma il Times l’ha definita “spietata“.

Entrare tra i due artisti nudi costringe i possessori del biglietto a un “confronto tra la nudità e il genere, la sessualità, il desiderio“, ha detto il responsabile delle mostre della Royal Academy Andrea Tarsia.

L’insolito pezzo fu messo in scena per la prima volta nel 1977 da Abramović e dal suo allora partner tedesco, Ulay. I due stavano vicini sulla soglia, costringendo i visitatori a passare in mezzo a loro.

Il critico del Telegraph Alastair Sooke ha detto che era “troppo preoccupato di non pestare i piedi” per essere in grado di percepire se ci fosse un brivido mentre passava tra gli artisti durante la nuova installazione a Londra.

Non è strettamente necessario attraversare la zona con gli artisti nudi. C’è una strada alternativa, ma è un imbroglio”, ha aggiunto Laura Freeman del Times. “Mi sono infilato, tirando in dentro la pancia, cercando di non calpestare i piedi di nessuno o sfiorare nulla”.

La retrospettiva ripercorre mezzo secolo di carriera di Abramović. È la prima artista donna ad avere una mostra personale nelle principali gallerie della Royal Academy nei suoi 255 anni di storia.

Ben Luke dell’Evening Standard gli ha assegnato quattro stelle, scrivendo: “Per una volta, questo non è un clamore pubblicitario. Non riesco a immaginare uno spettacolo migliore, soprattutto dato che gran parte di esso esiste come documentazione di spettacoli.

La messa in scena di questo materiale su pellicola e in fotografie è esemplare, ed è aiutata da quattro brani dal vivo provenienti da diversi momenti della carriera di Abramović, interpretati da artisti approvati da Marina”.

Ha aggiunto: “Ho faticato a immaginare come le vaste gallerie della RA possano essere riempite da un artista la cui pratica è stata inevitabilmente in gran parte effimera, quando hanno inghiottito e sminuito artisti più convenzionali. Ma non c’è alcun senso di imbottitura. Il ritmo è fantastico: è libero dove serve, occupato e rumoroso nei momenti giusti”.

Ma c’era meno entusiasmo da parte del Sooke del Telegraph. In una recensione a due stelle, ha detto: “Il problema è il lavoro. Esiste un caso più eclatante di un artista, nel corso dei decenni, che ha perso la strada?”

Quelle performance degli anni ’70 e ’80 – molte delle quali collaborazioni con il suo compagno di allora, l’artista tedesco Ulay – sembrano ancora radicali e coraggiose, con qualcosa di urgente da dire, ad esempio, sulle complesse relazioni tra uomini e donne, o sulla ruoli di genere che la società ci obbliga a interpretare”.

Sooke ha aggiunto: “Col tempo, però, quando Abramović è diventata meno interessata alla resistenza fisica e più interessata a mettere alla prova la sua mente, ha iniziato a credere a quella pubblicità”.

Il risultato? L’arte narcisistica, priva di rischi, senza la durezza rigorosa, viscerale e macchiata di sangue di un tempo. La pulizia ritualizzata, sotto forma di strofinamento delle ossa, è uno dei suoi motivi – ma, alla fine, Abramović ha finito per igienizzandosi”.

Freeman of the Times si è dimostrato altrettanto tiepido, assegnando due stelle e affermando che c’erano “due problemi principali con questa retrospettiva presentata con stile, ma insoddisfacente”.

Primo: pensavi che la performance art fosse brutta? I vecchi video di performance art del passato sono peggio. Secondo: Abramović, che ha reso la sua carriera e la sua reputazione artistica stuzzicanti, testando e superando i limiti della propria resistenza, può essere dura come il chiodo, ma ha 76 anni ed è un’Accademica Reale onoraria, quindi la sua parte è interpretata dagli accoliti”.

Vorrei dire che erano coraggiose come l’originale, ma le tre giovani donne che ho visto esibirsi in Imponderabilia, Nude with Skeleton e Luminosity sembravano impavide e sotto tensione. I peli del corpo degli anni Settanta sono fuori moda, le cerette per bikini sono entrate. Solo questo suggerirebbe più ansia che abbandono”.

Ma Adrian Searle del Guardian è stato più positivo, definendo lo spettacolo di Abramović “terrificante e vitale” nella sua recensione a quattro stelle.

La vediamo lavorare a maglia, fumare, tenere in mano una candela e camminare con infinita lentezza, portando una ciotola di latte”, ha detto. “Eccola distesa nuda sotto uno scheletro in una specie di sarcofago video, in cima al quale un artista nudo dal vivo ripete la posa”.

“Altri artisti rievocano i primi lavori mentre andiamo da una stanza all’altra. Ci sono così tante Marina qui, ma solo una Abramović, in tutte le sue molteplici forme. Abramović è “formidabile, infaticabile, coraggioso ed estremo”, ha scritto. “Parlo come uno che è stato commosso dalla sua resistenza e dal suo spirito e ha riso del suo spirito mordente, e anche come uno che si è goduto un paio di suoi seminari ed è scappato da un altro”, ha aggiunto. “Ma a chi importa del mumbo-jumbo quando il meglio della sua arte è così forte?

 

Impostazioni privacy