Carta Nazionale dei Servizi (CNS): cos’è, come si richiede e quali sono i vantaggi

Ecco cos’è, come si richiede e quali sono i vantaggi della Carta Nazionale dei Servizi (CNS). Così non avrete più alcun tipo di dubbio

Prosegue senza sosta il processo di digitalizzazione del nostro Paese. Il governo sta cercando in ogni modo di alleggerire la burocrazia, andando ad integrare strumenti che si riveleranno in futuro molto utili per l’identificazione di ogni singolo cittadino tramite pochi click. Così da poter accedere a tutte le principali operazioni in comodità.

Cosa c'è da sapere sulla Carta Nazionale dei servizi
Carta Nazionale dei Servizi, ecco cos’è e a cosa serve – Spraynews.it

Se ormai SPID e CIE sono stati dati per assodati e più o meno tutti ne hanno uno, c’è un altro servizio di cui si sta parlando parecchio soprattutto nelle ultime settimane. Stiamo parlando della Carta Nazionale dei Servizi, un altro strumento fondamentale per l’identificazione digitale dei cittadini italiani. Ecco tutto quello che dovreste sapere a riguardo, così non avrete più alcun tipo di dubbio.

Carta Nazionale dei Servizi (CNS), ecco cosa dovete sapere

La Carta Nazionale dei Servizi è uno strumento pensato dal governo per l’identificazione digitale, che dà la possibilità ai cittadini italiani di poter accedere in modo totalmente sicuro ai servizi online della pubblica amministrazione. Può essere emessa sia tramite smart card che con una chiavetta USB, a sua volta dotata di un microprocessore per contenere tutti i dati personali.

CNS, tutte le informazioni che dovreste conoscere
Tutto quello che c’è da sapere sulla CNS – Spraynews.it

Dunque stiamo parlando di un certificato digitale, che non fa altro che attestare l’identità di persone o imprese. Per poter utilizzare la CNS, è necessario disporre dei codici PIN e PUK, così da poter sbloccare le varie funzionalità previste dal servizio. Ma a cosa serve nello specifico? Potete sfruttarla per accedere ai servizi del Sistema Sanitario Nazionale, dell’Agenzia delle Entrate, dell’INPS, dell’INAIL, del NoiPa, delle Camere di Commercio e del MePa.

Per richiederla subito, è necessario recarsi presso gli sportelli abilitati nelle Regioni, nei Comuni e presso le Camere di Commercio. L’importante è avere la maggiore età, un documento di identità valido con sé e i recapiti personali come email e numero di cellulare. Nel corso della sottoscrizione, vi verranno anche chiesti codice fiscale e dati anagrafici. Il documento ha una durata di tre anni, che può essere rinnovato pre ulteriori tre. Al termine dei sei, invece, è necessario richiedere una nuova CNS.

Resta ora da capire in che modo il Governo deciderà nei prossimi mesi e anni di sfruttare al meglio questo nuovo sistema di identificazione digitale per i cittadini. Se ora è un plus utile ma non indispensabile, in futuro potrebbe diventare di fondamentale importanza per poter svolgere le mansioni sopraelencate.

Impostazioni privacy