Il patrimonio pazzesco degli eredi di Vittorio Emanuele: quanto vale il loro impero

Il patrimonio pazzesco degli eredi di Vittorio Emanuele: quanto vale l’impero degli ultimi re d’Italia. Scopriamo le cifre incredibili. 

Vittorio Emanuele di Savoia, Duca di Savoia e Principe di Napoli, è scomparso il 3 febbraio 2024 all’età di 86 anni a Ginevra. Il figlio di Umberto II, l’ultimo re d’Italia, e di Maria José avrebbe festeggiato il suo 87º compleanno il prossimo 12 febbraio. I suoi funerali si svolgeranno nel Duomo di Torino sabato 10 febbraio alle 15.00, con la presenza dei membri delle grandi famiglie reali d’Europa.

Alle 14.45 è previsto l’arrivo della Famiglia Reale, mentre alle ore 14.50 il feretro entrerà in cattedrale, accompagnato dal Principe Emanuele Filiberto, Duca di Savoia e Capo della Real Casa, seguito da Johannes Niederhauser, segretario generale dell’Ordine Supremo della Santissima Annunziata, che porterà su un cuscino il Collare dell’Ordine, al suono dell’Inno Sardo.

Vittorio Emanuele di Savoia e sua moglie Marina Doria hanno un figlio unico, Emanuele Filiberto di Savoia, che è sposato con Clotilde Courau e ha due figlie: Vittoria e Luisa. Entrambe le figlie hanno ricevuto il titolo di principesse reali di Savoia insieme ad altri titoli. La dinastia Savoia è attualmente oggetto di una disputa dinastica tra due linee di sangue. Due lontani cugini, Vittorio Emanuele di Savoia e Aimone di Savoia-Aosta, si contendono il titolo di erede al trono d’Italia secondo la legge salica.

Il patrimonio pazzesco dei Savoia: le cifre per gli eredi

Il patrimonio pazzesco degli eredi di Vittorio Emanuele
Principe Emanuele Filiberto (Spraynews.it)

Aimone di Savoia-Aosta, nato nel 1967, è un dirigente d’azienda e rappresenta un ramo cadetto della famiglia Savoia. Secondo la legge salica, la successione avviene per linea maschile, e quindi la linea di discendenza in Casa Savoia sarebbe la seguente: Emanuele Filiberto di Savoia, Aimone di Savoia-Aosta, Umberto di Savoia-Aosta e Amedeo di Savoia-Aosta.

Tuttavia, Emanuele Filiberto ha considerato la possibilità di abdicare in favore di una delle sue figlie, poiché ritiene che la legge salica sia superata. Tuttavia, la legge di successione in Casa Savoia richiede anche l’assenso del Re al matrimonio del membro della famiglia reale, e il fatto che Vittorio Emanuele di Savoia abbia sposato Marina Doria senza tale consenso potrebbe escluderlo dal diritto dinastico.

Per quanto riguarda il patrimonio dei Savoia, è difficile stimarlo con precisione poiché la famiglia ha sempre mantenuto riservatezza in merito. Nel 2006, è stato stimato che il patrimonio di Vittorio Emanuele di Savoia fosse di circa 1,4 milioni di franchi svizzeri, con un reddito annuo di 280.000 franchi svizzeri. Questa stima non includeva le proprietà immobiliari della famiglia. C’è anche una questione legale riguardante i gioielli dei Savoia, che sono custoditi in un caveau della Banca d’Italia e che la famiglia ha richiesto di riavere.

Impostazioni privacy