McDonald’s e Tesla insieme per i Cyber Spoons

McDonald’s e Tesla hanno unito le forze per creare un cucchiaino ispirato al Cybertruck, ma Elon Musk non ne sapeva nulla

Una collaborazione tra il ramo cinese di TeslaMcDonald’s ha finito per cogliere impreparato lo stesso Elon Musk. La vicenda è semplice: si tratta di un particolare cucchiaino – 50mila pezzi disponibili – pensato per il McFlurry e ispirato dalla inconfondibile linea squadrata del Cybertruck, le cui foto sono state pubblicate su X – il buon vecchio Twitter – da Sawyer Merritt, investitore della casa automobilistica in questione.

I Cyber Spoons di McDonald’s e Tesla

Il post ha rapidamente assunto i connotati dei contenuti virali, tanto da attirare l’attenzione dello stesso Elon Musk, patron di Tesla, che ha commentato con “Notizie false, per quanto ne so”, accompagnato da un paio di emoji con le lacrime dalle risate.

Cyber Spoon McDonald's e Tesla
Foto | Twitter @SawyerMerritt – Spraynews.it

Il buon Merritt non si è fatto intimidire e ha prontamente sottolineato che la collaborazione con McDonald’s era di fatto riportata anche sulla pagina Weibo – social media cinese – ufficiale di Tesla.

Insomma, pare che la notizia non sia arrivata ai piani alti – o almeno, non a quello di Elon Musk -. L’abbondanza dei dettagli sulla collaborazione e il fatto che, come già riportato, il tutto fosse stato pubblicato dalla pagina Weibo della casa automobilistica, però, fa presagire che sia stato proprio Musk a perdersi qualche email.

Cyber Spoons – questi i nomi dei cucchiaini nati dalla collaborazione tra Tesla McDonald’s – riprendono il caratteristico design spigoloso del Cybertruck e sono stati prodotti in edizione limitata ad appena cinquantamila esemplari.

Sono acquistabili al prezzo di 30 yuan (circa quattro euro, tanto per intenderci), e sull’estremità di ognuno di essi è scritto “powered by Tesla” e la frase “DON’T PANIC”, una chiara citazione all’opera Guida galattica per autostoppisti di Douglas Adams, che per di più è uno degli autori preferiti di Elon Musk.

È bene sottolineare che non si tratta affatto della prima volta che il signor Tesla si trovi tra le mani prodotti bizzarri o comunque insoliti: un esempio? Il Cyberwhistle, fischietto in acciaio inossidabile anch’esso ispirato alla linea del Cybertruck e già ben presente sul mercato cinese, o ancora la tequila da 250 dollari venduta in una bottiglia a forma di saetta.

Nel frattempo gli avvistamenti su strada si moltiplicano. Un esemplare è stato filmato mentre percorreva le strade di Las Vegas e probabilmente sempre lo stesso mezzo è stato fotografato mentre stava facendo rifornimento.

Impostazioni privacy