One Piece 2, la rivelazione fa impazzire i fan: chi vedremo nel secondo arco

Ti chiedi perché l’arco di Loguetown non appare nell’adattamento live-action di One Piece di Netflix? Abbiamo tutte le risposte alle tue scottanti domande!

Nel manga e nell’anime originale di One Piece, l’arco di Loguetown era l’arco finale della saga di East Blue. Ha raggiunto diversi obiettivi minori che, combinati, hanno reso Loguetown un arco narrativo importante, rappresentando molti degli elementi narrativi che rendono One Piece così avvincente.

Questo arco narrativo è servito come epilogo non solo per l’arco drammatico e ricco di azione di Arlong Park, ma anche per l’intera saga dell’East Blue prima di passare alla saga di Alabasta nella Rotta Maggiore. Il protagonista Monkey D. Rufy e i suoi quattro compagni di squadra hanno esplorato Loguetown a modo loro, ognuno traendo qualcosa di diverso dall’avventura.

One Piece 2: ecco cosa vedranno i fan

Rufy ha visitato il patibolo dove Gold Roger ha perso la vita, mentre Roronoa Zoro lo spadaccino ha visitato un negozio di spade e ha incontrato Tashigi, un ufficiale della Marina. Loguetown ha anche introdotto e reintrodotto alcuni importanti antagonisti, con il vendicativo Buggy il Clown e Lady Alvida che si uniscono per sconfiggere Rufy, mentre il Capitano Smoker cerca di catturare i Pirati di Cappello di Paglia.

One Piece 2: ecco cosa vedranno i fan
One Piece 2 – Spraynews.it

Le cose sembravano iniziate male finché un’improvvisa tempesta non permette alla ciurma di Cappello di Paglia di scappare in mare, e anche il padre di Rufy, Monkey D. Dragon, facilita la loro fuga. Tutto sommato, l’arco narrativo di Loguetown ha ottenuto molto in modo indiretto, poiché nessuno dei combattimenti in quell’arco era sostanziale e la costruzione del mondo era minima.

Oltre ad essere l’arco narrativo della saga di East Blue, l’arco di Loguetown ha stuzzicato i fan di One Piece con apparizioni estese di Dragon, Smoker e Tashigi, che apparirà sporadicamente nelle successive centinaia di episodi/capitoli in archi come Alabasta e Punk Hazard, tra gli altri.

I fan di One Piece avevano già la sensazione che il mondo di One Piece fosse molto più grande e pericoloso di qualsiasi cosa l’East Blue avrebbe potuto suggerire, con il Capitano pirata Don Krieg che annunciava i pericoli della Rotta Maggiore.

Loguetown confermò queste convinzioni e rese chiaro che l’intera saga dell’East Blue era semplicemente un prologo sovradimensionato di quella che prometteva di essere un’avventura davvero vasta e senza fine, dove tutto poteva succedere.

Cosa dicono i produttori?

Nelle interviste, i produttori della serie live-action di One Piece hanno spiegato che, per ragioni pratiche, non era possibile includere l’arco narrativo di Loguetown nell’adattamento Netflix. La serie live-action di One Piece era già estremamente costosa da produrre e l’aggiunta dell’arco narrativo di Loguetown avrebbe messo a dura prova il loro budget.

I produttori avevano pianificato otto episodi e non potevano permettersi di girarne due aggiuntivi per incorporare l’arco narrativo di Loguetown. Nonostante il suo status di breve arco narrativo, i produttori hanno ritenuto che l’arco di Loguetown meritasse di essere girato correttamente o di non essere girato affatto.

È stato quindi omesso e, secondo il finale della serie, l’arco narrativo di Loguetown non apparirà nella seconda stagione, che è già confermata in produzione. Invece, la storia di One Piece si sposterà direttamente da Arlong Park al mini-arco della Montagna Invertita, dove i fan incontreranno Laboon la Balena e due agenti della Moroccan Works.

Impostazioni privacy