Pino D’Angiò per la prima volta a Sanremo: che fine aveva fatto, una terribile malattia e sei operazioni

Sul palco dell’Ariston, sale Pino D’Angiò: per la prima volta a Sanremo nella serata dei duetti con un suo classico e la band Bnkr44.

Una serata speciale quella del 9 febbraio per il Festival di Sanremo: infatti, i cantanti in gara si alterneranno presentando delle cover in duetto con altri artisti celebri. Ognuno farà sicuramente il suo, ma per qualcuno di loro c’è particolare attesa: Angelina Mango, ad esempio, ha scelto di non duettare con un attore, come era emerso nelle scorse settimane, ma omaggerà il padre Pino con il quartetto d’archi dell’Orchestra di Roma.

Molto particolare la scelta fatta dalla band Bnkr44, provenienti dalla selezione di Sanremo Giovani e che dopo aver duettato con Sethu lo scorso anno, quest’anno non ricambiano il favore, ma optano per un’icona della musica italiana, artista che con un solo brano ha venduto ben 12 milioni di copie in tutto il mondo, ma che per la prima volta sale sul palco dell’Ariston.

La malattia di Pino D’Angiò: “Ho dovuto subire sei operazioni”, oggi arriva a Sanremo

pino d'angiò che idea
Pino D’Angiò negli anni Ottanta (Spraynews.it)

Stiamo parlando di Pino D’Angiò, il musicista di origini campane che spopolava tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta: cresciuto negli USA, si iscrisse a Medicina a Siena ma poi preferì intraprendere la carriera musicale. Nel 1980, la svolta per la quale viene ricordato ancora oggi: esce infatti il 45 giri che sul lato A contiene il brano “Ma quale idea”, pezzo funk con le prime venature di rap, un caso unico nel nostro Paese.

Un caso unico anche che il brano, lo stesso che Pino D’Angiò riproporrà stasera sul palco dell’Ariston, fu praticamente snobbato all’epoca in Italia, non arrivando nemmeno nella top 50 dei singoli più venduti, ma vendette 12 milioni di copie in 30 Paesi diversi. La canzone divenne invece più nota nel nostro Paese grazie alla cover dei Flaminio Maphia, datata 2005.

Pino D’Angiò, in ogni caso, ha vinto premi e riconoscimenti internazionali, lavorando anche al di fuori del panorama musicale e ha doppiato addirittura dei film di Woody Allen. Una carriera pienissima la sua, che però è stata stoppata da una brutta malattia: il cantante infatti ha scoperto molti anni fa di avere un cancro alla gola e ha subito addirittura sei operazioni, come da lui spiegato in un’intervista televisiva.

“So che dovrei smettere di fumare, ma la paura di ammalarmi di nuovo è meno potente del bisogno di nicotina”, ha detto nell’intervista il cantante, ammettendo di avere un problema col tabagismo. Sposato e papà di Francesco, negli ultimi anni è tornato alla musica e ha collaborato con Franco126, prima di riprendere nel 2023 a esibirsi anche dal vivo.

Impostazioni privacy