Quali sono i rischi che comportano le cimici del letto: tutto quello che c’è da sapere

Le cimici del letto possono esporre a rischi di cui è bene essere a conoscenza: scopriamo insieme tutto ciò che c’è da sapere al riguardo di questi piccoli ma insidiosi animaletti.

Le cimici del letto si distinguono per essere dei piccoli insetti che possono insinuarsi nei materassi, cuscini come anche nei tessuti. Si tratta di animaletti visibili ad occhio nudo e che, in caso di puntura, possono causare diversi tipi di problemi.

Alla luce di quanto appena detto, è importante sapere quali sono i segnali che denotano la presenza di questi insetti e soprattutto quali sono i sintomi a cui si può andare incontro nel caso in cui si venga punti dagli stessi. Si tratta di informazioni particolarmente utili e interessanti che mirano ad adottare un intervento tempestivo e mirato nel momento in cui si entra in contatto con le cimici del letto.

Cimici da letto, ecco quali sono i rischi da non sottovalutare

Le cimici del letto sono insetti che tendenzialmente sono attirati dall’odore emanato dalla pelle umana come anche dall’anidride carbonica sprigionata durante le ore notturne. Ciò detto, si tratta di animali che possono provocare non pochi fastidi di cui è bene essere a conoscenza.

I rischi delle cimici da letto
Le punture di insetto possono essere molto fastidiose – Spraynews.it

Tanto per cominciare, quanto le cimici da letto attaccano tendono a provocare chiazza di colore rosso che presentano al centro un puntino bianco. In genere, esse tendono ad essere pruriginose e a non essere mai singole quanto piuttosto tre o quattro. Il motivo risiede nel fatto che le cimici dei letti si cibano di sangue più volte e in più punti.

E’ importante trattare tempestivamente le punture delle cimici dei letti per evitare un peggioramento dei sintomi ad esse associati. In alcuni casi, infatti, si potrebbe assistere all’insorgere di reazioni allergiche serie o ancora ad infiammazioni causate dalle lesioni cutanee. Nel caso, è fondamentale rivolgersi al proprio medico di fiducia in modo che questi possa attuare la cura farmacologica più indicata per il caso specifico.

Ad ogni modo, è altrettanto importante sapere che gli animaletti in esame tendono a comparire in presenza di una temperatura compresa tra i 15 °C ed i 37 °C. Fuori da questo intervallo, dunque, tendono ad arrestare il loro sviluppo. La loro presenza, comunque, può essere facilmente individuata dal momento che sulle lenzuola possono comparire delle minuscole tracce di sangue, come anche delle macchie nere che non sono altro che gli escrementi degli insetti in esame.

Una volta appurata la loro presenza, si consiglia di procedere al lavaggio di lenzuola e federe. Oltre a ciò, è bene sapere che bisogna intervenire disinfettando il materasso con prodotti igienizzanti e antiparassitari che mirano ad annientare i fastidiosi parassiti in esame.

Impostazioni privacy