Roger Waters, l’ex bassista dei Pink Floyd accusato di antisemitismo

In molto affermano di aver sentito diversi riferimenti dispregiativi agli ebrei, tra canzoncine e sberleffi che sembrano inequivocabili. Ma Waters ha sempre negato

Il cofondatore dei Pink Floyd – una delle band più iconiche di tutti i tempi, un pilastro della storia della musicaRoger Waters, è stato accusato di ripetuti episodi di antisemitismo, sostenendo di aver parlato di “cibo per ebrei” e di aver addirittura inventato una canzone sul suo agente in cui lo definiva “fottuto ebreo”.

Un’indagine condotta su Waters dalla Campagna contro l’Antisemitismo (CAA) ha intervistato coloro che hanno lavorato al suo fianco e che hanno denunciato i ripetuti riferimenti sprezzanti agli ebrei.

L’outfit sospettoso di un recente concerto

A maggio Waters è salito su un palco di Berlino indossando un abito che ricordava molto da vicino un’uniforme nazista. Nel ruolo del personaggio Pink dell’opera rock The Wall, indossava un trench di pelle nera con un bracciale rosso con due martelli incrociati al posto della svastica.

Waters ha sempre ribadito di non essere un antisemita e ha dichiarato che la performance era “chiaramente una dichiarazione di opposizione al fascismo, all’ingiustizia e al bigottismo in tutte le sue forme“.

Durante lo stesso tour, Waters sembrò paragonare l’uccisione della giornalista palestinese Shireen Abu Akleh all’uccisione di Anna Frank, proiettando le due cose una accanto all’altra.

Numerosi i comportamenti antisemististi e offensivi

La CAA ha anche pubblicato delle e-mail di Waters in cui proponeva di scrivere uno slogan antisemita su un maiale gonfiabile che galleggiava sopra i suoi concerti. Nelle e-mail del 2010 suggeriva anche di “bombardare” il pubblico con coriandoli a forma di svastiche, stelle di David, segni del dollaro e altri simboli.

Anche Norbert Stachel, ex sassofonista di Waters, ha citato diversi casi in cui Waters avrebbe manifestato sentimenti antiebraici. Ha affermato che Waters ha perso le staffe durante una tournée in Libano dopo una serie di piatti vegetariani in un ristorante e ha chiesto ai camerieri di “portare via il cibo degli ebrei”.

Stachel ha anche affermato che Waters ha preso in giro sua nonna, uccisa durante l’Olocausto, e che un collega lo ha avvertito di non reagire a nessun commento sugli ebrei se voleva mantenere il suo lavoro.

Waters che suona vestito di nero con due piccole coriste platino
Immagine EPA | @FRANCISCOGUASCO – Spraynews.it

La canzoncina offensiva sull’agente della band Bryan Morrison

Le accuse sono state fatte in un documentario online della CAA presentato dal giornalista veterano di Panorama John Ware.

Il produttore musicale Bob Ezrin ha affermato che quando si trovava in Inghilterra negli anni ’70 per produrre l’album The Wall, Waters inventò una canzoncina sull’agente della band Bryan Morrison. Ezrin ha dichiarato: “Non ricordo la circostanza esatta, ma qualcosa come sai… l’ultimo verso del distico era ‘perché Morry è un fottuto ebreo”.

Le parole del produttore Ezrin

Il produttore ha anche dichiarato: “Se penso che si consideri un lui stesso antisemita? Scommetto dollari per ciambelle che non lo fa e che sarà il primo a dire: ‘Non sono contrario a nulla, sono a favore di tutti'”.

Ma come persona con una potente piattaforma pubblica ha la responsabilità di capire che ciò che fa ha un impatto su altre persone e quindi può non esserlo, ma cammina come tale, starnazza come tale, nuota come tale, quindi dal mio punto di vista è funzionalmente un’anatra“, ha aggiunto Ezrin.

La CAA ha dichiarato di aver sottoposto le sue conclusioni al musicista, che però non ha risposto.

Roger Waters si difende “coi fatti”

Rispondendo alle precedenti accuse di antisemitismo, invece Waters aveva dichiarato: “Ho passato tutta la mia vita a parlare contro l’autoritarismo e l’oppressione, ovunque li veda”.

E ancora, l’ex bassista: “Quando ero bambino, dopo la guerra, il nome di Anna Frank veniva spesso pronunciato in casa nostra, e divenne un ricordo permanente di ciò che accade quando il fascismo viene lasciato senza controllo. I miei genitori hanno combattuto i nazisti nella Seconda guerra mondiale e mio padre ha pagato il prezzo più alto“.

In attesa di nuove rivelazioni, Waters continua ad esibirsi

Intanto, il musicista dei Pink Floyd si esibirà al London Palladium l’8 e il 9 ottobre e il locale in questione è stato contattato per un commento riguardo le nuove rivelazioni. Ancora nessun riscontro né da Waters né dal Palladium, staremo a vedere cosa succede nei prossimi giorni, quando la diffusione delle sue parole antisemita avrà raggiunto più orecchie.

Impostazioni privacy