Aumentano gli stipendi per questa categoria di lavoratori: quali sono gli importi e da quando partono

Gli aumenti degli stipendi in arrivo riguarderanno solamente alcune categorie di lavoratori. Leggi l’articolo per scoprire se ne fai parte.

A partire dai prossimi mesi, alcune categorie di lavoratori riceveranno un aumento del loro stipendio. Non verrà purtroppo esteso ad ogni appartenente, ma sarà comunque un incentivo che aiuterà non poco alcune categorie di persone. Leggi l’articolo per vedere se ne fai parte oppure no!

Durante la lettura potrai scoprire se fai parte delle categorie citate, e se la risposta sarà favorevole capirai anche quando e in quale modalità avverrà tutto ciò.

Aumenti degli stipendi: a chi saranno destinati?

La Legge di Bilancio recentemente passata al vaglio e approvata prevederà anche un aumento di stipendio per alcune categorie di lavoratori. La prima categoria menzionata è quella dei lavoratori della Pubblica Amministrazione, classe lavoratrice che necessita eccome di riforme mirate a maggiori incentivi. Si è sempre più sentita l’esigenza di una rivoluzione dei contratti, e finalmente è arrivata con successo.

Ecco quanti soldi guadagneranno questi lavoratori?
Quanti soldi guadagneranno questi lavoratori? (Spraynews.it)

Un’altra categoria che a breve potrà fare i salti di gioia sarà quella di docenti e professori, in particolar modo per scuole medie e istituti superiori. A partire dal primo mese utile del prossimo 2024, ci saranno infatti delle indennità di qualche centinaio di euro. Ciò varierà a seconda del periodo e del tempo di anzianità trascorso sul lavoro, cosa che andrà a privilegiare chi è in graduatoria da più tempo.

Per le scuole d’infanzia invece? Le indennità previste per coloro che operano in questo settore saranno di cifre molto simili a quelle citate in precedenza. Dal settore scolastico passeremo poi ad un altro settore a cui mancava come l’aria una rivoluzione contrattuale in piena regola, fatta di aumenti e adeguamenti contrattuali di livello. Anche chi lavora nel mondo della sanità riceverà degli aumenti.

A seconda dell’inquadramento di contratto previsto, si riceverà un’indennità ricorrente che oscilla tra i 50 e i 100 euro. Notevole a dir poco, se si considera lo stato precario in cui – purtroppo – riversano alcune strutture poco organizzate. A proposito di precariato, con l’ultima Legge il governo ha voluto operare anche su questa categoria di lavoratori, che da anni rappresenta un caso piuttosto delicato.

In Italia esistono milioni di lavoratori in preda al precariato. Ebbene, per questa importante fetta di occupati ci saranno delle misure speciali, incentivando le aziende ad inquadrare loro con contratti meno “insicuri”. Si spera che tutto ciò si possa riscontrare all’atto pratico, e non solo tramite parole e scritture.

Impostazioni privacy