Bonus auto 2024, non comprarla adesso perché poi te la regala il Governo: “Cifre forti da gennaio”

Se hai intenzione di cambiare macchina non farlo adesso. L’anno prossimo arriva un bonus pazzesco: è la tua occasione.

Non è un periodo economicamente facile per gli italiani. I carburanti sono di nuovo aumentati di prezzo e, sebbene le oscillazioni ogni tanto facciano scendere il costo della benzina sotto ai 2 euro al litro, ormai ci si aspetta di tutto. Anche la spesa alimentare costa più del normale e le famiglie si stanno preoccupando, soprattutto perché ora che arriva l’inverno è quasi ora di accendere i termosifoni.

Se, in tutto ciò, hai anche bisogno di cambiare macchina ma non hai il coraggio di farlo per via dei costi, forse il 2024 potrebbe essere il tuo anno giusto. Secondo le previsioni, infatti, ci saranno notevoli incentivi auto e importanti modifiche rispetto allo stato attuale delle cose: ecco quindi cosa ci si deve aspettare.

Bonus auto 2024: tutto quello che devi sapere

Si chiacchiera molto in merito agli incentivi auto 2024, attesi da gran parte della popolazione. Con il decreto legge 17/2022 il governo ha messo a disposizione 700 milioni di euro per il 2022 e 1 miliardo per ogni anno che va dal 2023 al 2030, con l’obiettivo di supportare la transizione ecologica dell’industria automobilistica. In particolar modo, si vuole sostenere l’acquisto di macchine green e poco inquinanti: ecco però le previsioni per il 2024.

Bonus Auto 2024, ecco quello che devi sapere
Bonus Auto 2024, ecco quello che devi sapere: è la tua occasione per una macchina nuova (spraynews.it)

Secondo ciò che emerge dalle prime indiscrezioni, sembra che per l’anno prossimo il governo intenda rimodulare gli incentivi attuali, privilegiando le auto ICE cioè con motore a benzina, metano, diesel, gpl e ibride non plug-in. Il progetto è quindi sempre quello di favorire la transizione green ma di farlo in modo più graduale, prima favorendo la sostituzione dei mezzi molto inquinanti quindi di classe da Euro 0 a Euro 4 con altri di ultima generazione, quindi di Euro 6 e, solo in un secondo momento, affrontare poi il tema del passaggio all’elettrico.

Gli italiani, infatti, non sembrano pronti oggi come oggi a comprare mezzi elettrici e gli incentivi non sembrano convincerli ulteriormente, quindi è meglio affrontare la transizione gradualmente. Per quanto riguarda il 2024, nel mese di dicembre un decreto ministeriale definirà gli incentivi: si prevede una quota molto ampia per le auto ICE Euro 6, mentre una più bassa per quanto riguarda elettriche e plug-in, forse anche dimezzata rispetto al 2023.

Impostazioni privacy