Cosa seminare nel tuo orto a febbraio: 7 ortaggi indispensabili

Nel mese di febbraio ci sono 7 ortaggi fondamentali che bisogna seminare nell’orto ed ecco quali sono per iniziare subito.

Avere un orto e un giardino da curare ogni giorno è una bellissima esperienza per stare a contatto con la natura, per trascorrere un po’ di tempo all’aperto, fare un po’ di attività fisica e rimanere concentrati su un obiettivo e un progetto. Sono tanti gli studi che hanno dimostrato quanto dia benessere.

Chi deve curare il proprio orto, infatti, lo deve fare costantemente tenendo conto di cicli di semina e raccolta. Che cosa si può seminare nell’orto nel mese di febbraio? Cerchiamo di capire quali sono gli ortaggi da considerare per la semina di questo mese.

Sicuramente bisogna avvalersi della propria esperienza e dei consigli degli esperti del settore, ma qualche informazione in più non fa mai male. Continuate, quindi, a leggere questo articolo per maggiori dettagli.

Cosa seminare nell’orto a febbraio: 7 ortaggi indispensabili

Febbraio è un mese particolare per un orto, nel senso che ci sono le temperature ancora rigide dell’inverno, ma anche la preparazione della natura all’arrivo della primavera. Quali ortaggi sono protagonisti di questo periodo? Quali semi bisogna per forza piantare proprio in questo momento? Scopriamolo.

Donna che semina nel suo orto
Periodo di semina (Spraynews.it)

La prima cosa da fare è preparare il terreno in modo adeguato garantendo drenaggio e fertilità. L’orto deve essere curato sempre senza mai periodi di pausa. Ci sono periodi di raccolta in cui bisogna stare attenti ai parassiti, periodi di coltivazione in cui è necessario garantire acqua e tutti gli elementi necessari, ma non solo.

Occorre fare attenzione a proteggere la terra dalle gelate invernali, così come bisogna pianificare la semina nei momenti giusti per ogni stagione e per ogni tipo di pianta. Il mese di febbraio, in cui si festeggia il carnevale, richiede la presenza di alcune verdure in particolare.

Pensiamo prima a quelle verdure che necessitano di coperture di plastica o piccoli tunnel per stare a riparo. Queste sono principalmente pomodori e lattuga. Hanno bisogno di essere protetti dalle gelate tardive e di essere maggiormente controllati.

Poi, dopo aver rastrellato per bene la terra, potete pensare a seminare le carote, in un terreno leggermente acido e ben distanziate tra di loro perché hanno delle radici lunghe e resistenti. Stesso principio da seguire per le cipolle e l’aglio, anche se quest’ultimo è meglio seminarlo alla fine del mese.

Infine, vediamo due ortaggi che sarebbe meglio seminare prima in vaso per poi trasferirli a terra. Stiamo parlando di carciofi e peperoni. Questi hanno bisogno di un terreno protetto e controllato fino a quando il clima sarà più mite. Solo a quel punto si può trapiantarli nell’orto.

Pazienza, tempo e dedizione: è questo il segreto per avere poi un raccolto abbondante e la soddisfazione di mangiare prodotti naturali, piantati e curati personalmente con i quali si possono anche realizzare molte ricette diverse.

Impostazioni privacy