Cosa succede a due gemelli se uno è vegano e l’altro no: lo studio ti lascerà a bocca aperta

Diverse coppie di gemelli si sono sottoposti a un recente studio per valutare se una dieta vegana sia più sana di quella onnivora

Con l’aiuto di gemelli identici, uno studio di un team di ricercatori della Stanford Medicine ha mostrato i significativi miglioramenti che una dieta vegana apporta alla salute del cuore in soli due mesi.

Per lo studio randomizzato e controllato, il team ha reclutato 22 coppie di gemelli identici adulti sani tramite lo Stanford Twin Registry, un database di gemelli che si sono iscritti per partecipare alla ricerca. All’inizio dello studio, i ricercatori hanno prelevato il sangue dei partecipanti e ne hanno registrato il peso. Successivamente hanno assegnato a un gemello di ciascuna coppia una dieta vegana per otto settimane e all’altro una dieta onnivora. Di seguito, ecco i risultati sorprendenti della ricerca.

Lo studio sui gemelli, uno vegano, l’altro onnivoro: questo è quello che è successo

Per lo studio i ricercatori hanno assicurato ai gemelli che entrambe le diete fossero il più salutari possibili. Sia la dieta vegana che quella onnivora contenevano abbondanti verdure, fagioli, frutta e cereali integrali e una minima quantità di zucchero e amidi raffinati. La dieta onnivora comprendeva inoltre pollo, pesce, uova, formaggio e latticini. Per le prime quattro settimane, colazioni, pranzi e cene sono stati forniti tramite un servizio di consegna pasti sette giorni su sette per tutti i partecipanti. Nelle ultime otto settimane dello studio hanno preparato i propri pasti.

dieta vegana benefici
Dieta vegana per due mesi: i benefici per il cuore dimostrati da uno studio su coppie di gemelli
(spraynews.it)

Dopo quattro e otto settimane, i ricercatori hanno nuovamente prelevato campioni di sangue e pesato nuovamente i partecipanti. Hanno scoperto che, a metà strada, i gemelli che mangiavano vegano avevano già notato miglioramenti significativi nella loro salute cardiometabolica, con livelli più bassi di colesterolo LDL, insulina e peso corporeo. Al completamento dello studio, il gruppo vegano aveva ridotto il proprio LDL di circa il 14% e i livelli di insulina a digiuno del 20%. Avevano anche perso, in media, 4,2 chili in più rispetto al gruppo onnivoro.

I risultati sono stati pubblicati il ​​30 novembre su JAMA Network Open. “I risultati di questo studio suggeriscono che una dieta sana a base vegetale offre un significativo vantaggio cardiometabolico protettivo rispetto a una dieta onnivora sana”, hanno concluso gli autori. Negli ultimi decenni non sono mancate ricerche a sostegno dei benefici per la salute delle diete a base vegetale, con dozzine di studi che li collegano a tassi più bassi di diabete di tipo 2, malattie cardiache e obesità.

Gli studi randomizzati che coinvolgono gemelli identici offrono ai ricercatori l’ulteriore vantaggio di soggetti con geni praticamente identici e educazione simile. Christopher Gardner, PhD, autore senior dello studio sulla Stanford Medicine e professore di medicina all’università, ha commentato che lo studio ha fornito un modo innovativo per affermare che una dieta vegana è più sana della dieta onnivora convenzionale. “Sulla base di questi risultati e pensando alla longevità, la maggior parte di noi trarrebbe beneficio da una dieta più a base vegetale”, ha affermato Gardner.

Impostazioni privacy